Tutte le notizie di: | archivio
Articolo n° 123 del 04 Aprile 2006 delle ore 07:39

Pescivendolo condannato per maltrattamento di astici

Il titolare di una pescheria di Aosta è stato condannato ad una sanzione di 300 euro per maltrattamento di alcuni astici messi in commercio vivi. L’uomo teneva gli animali, insieme con molluschi bivalvi, in contenitori di polistirolo con poca acqua e senza refrigerazione: questo quanto gli è stato contestato dal Nucleo Ispettivo della Capitaneria di Porto di Savona.


» Felix Lammardo

2 commenti a “Pescivendolo condannato per maltrattamento di astici”
franz ha detto..
il 23 Giugno 2006 alle 12:36

non che gli animali si debbano per forza maltrattare, ma a chi cucina gli astici (vivi) non li multa nessuno.

Ago ha detto..
il 1 Agosto 2006 alle 08:46

Mmmmmm! Da li a qualche minuto sarebbero finiti in una pentola con acqua bollente, oppure in un frigorifero a morire lentamente …… e multano il pescivendolo?????? ma la capitaneria di porto di Savona non ha altro da fare?

CERCAarticoli