Tutte le notizie di: | archivio
Articolo n° 298 del 13 Aprile 2006 delle ore 07:46

Burlando interviene su Ferrania e Valbormida

Regione. Il presidente della Giunta regionale Claudio Burlando ha svolto alcune comunicazioni, durante la seduta consiliare, sull’evolversi della crisi della Ferrania e sulle prospettive economiche della Valbormida. Secondo Burlando serve un progetto unitario di rilancio industriale della valle che si basi su un piano industriale della nuova cordata che ha acquisito la Ferrania e che fa capo a Giovanni Garbardella, ma anche sull’utilizzo logistico – come retroporto della scalo savonese – delle aree occupate dalla ex Acna di Cengio. A questo proposito il presidente della Regione ha parlato del ripristino della vecchia ferrovia che raggiungeva la Ferrania. Per quanto riguarda la progettata centrale elettrica, Burlando ha ricordato che servirà una valutazione di impatto ambientale per dire se essa sia o meno compatibile con l’ambiente. Per la sua alimentazione il materiale che probabilmente verrà usato è il carbone, insieme alle biomasse frutto di un utilizzo più intensivo del bosco: “Il carbone sembra oggi la soluzione economicamente più sostenibile, visti anche i costi del gasolio e del gas”. Sugli aspetti ambientali Burlando ha ricordato lo spostamento del terminal carbone di Vado Ligure al nuovo terminal di Savona, nella Darsena alti fondali dove sono stati fatti importanti investimenti. Essi riguarderanno anche il trasporto, tramite la funivia, del materiale riducendone l’impatto ambientale. Questo intervento, che si sta concludendo, è stato finanziato dallo Stato con circa 30 milioni corrisposti attraverso la copertura del disavanzo che la nuova società in concessione potrà registrare per 15 anni. Anche la riconversione di Ferrania verso il biomedicale e il farmaceutico utilizzerà finanziamenti agevolati fino ad un impegno dello Stato di 100 milioni di euro. “La parte pubblica – ha affermato Burlando – ha fatto e sta facendo molto. In questi giorni sapremo quale sarà la sorte della storica azienda di pellicole, ma è chiaro che, se avrà un futuro, sarà industriale”. Tutti questi problemi saranno al centro di incontri con la regione Piemonte, con la quale si discuterà anche di turismo e infrastrutture interregionali, comprese le future autostrade Albenga-Garessio-Ceva e Carcare-Predosa.


» F. Lammardo

I commenti sono disabilitati.

CERCAarticoli