Tutte le notizie di: | archivio
Articolo n° 284 del 16 Aprile 2006 delle ore 09:18

Dalle Politiche alle Amministrative: 11 comuni della Provincia in cui si vota il 28-29 Maggio

Elezioni. La stretta vittoria del centro-destra nella Provincia di Savona alle elezioni politiche ha suscitato sorpresa tra i rappresentanti e gli esponenti del centro-sinistra savonese. Il comunicato diramato dalla sezione provinciale di Forza Italia, oltre ad essere un ringraziamento post-voto a tutti gli elettori della Cdl e in particolare di FI, rappresenta anche un segnale di ottimismo in vista delle imminenti elezioni amministrative, Savona in testa. Se i consensi registrati dall’Unione nella sola città capoluogo restano comunque una garanzia per il candidato Federico Berruti, certo, anche alla luce delle percentuali di voto, ora l’ex Vicepresidente della Provincia sentirà maggiormente il fiato sul collo del candidato della Cdl Vincenzo Delfino. Certo le amministrative sono un’altra cosa, ma qualche cambio di strategia alla luce dei risultati nazionali ci sarà, eccome, specie per alcuni comuni del ponente savonese dove i consensi del centro-sinistra sono in discesa, vedi i casi di Albenga e Pietra Ligure. Il centro-destra, inoltre, conferma la sua leadership a Loano, Finale e Alassio, già amministrate dalla Cdl. Dopo la scorpacciata di cifre, percentuali e dati, è quindi arrivato il momento delle riflessioni politiche sui risultati elettorali. E forse chi pensava che l’esito delle politiche non potesse influenzare le prossime amministrative, si dovrà ricredere.

Vediamo in dettaglio tutti i comuni della Provincia di Savona (per abitanti) in cui si svolgeranno le elezioni amministrative del prossimo 28-29 Maggio per il candidato sindaco e il rinnovo dei consiglieri comunali.

 

SAVONA 59.907

ALASSIO 10.449

LOANO 10.567

STELLA 2.935

TOVO SAN GIACOMO 2.165

BORGIO VEREZZI 2.095

CISANO SUL NEVA 1.568

STELLANELLO 754

BALESTRINO 535

CASTELBIANCO 287

TESTICO 200

Il sistema elettorale – COMUNI CON PIÙ DI 15.000 ABITANTI – Si vota con il sistema maggioritario per il sindaco: chi ottiene oltre il 50% dei voti risulta subito eletto. Ogni candidato a sindaco è collegato con uno o più gruppi di candidati al consiglio comunale. Se nessun candidato ottiene più del 50% dei voti, i due più votati se la vedono faccia a faccia due settimane dopo in un turno di ballottaggio. All’eventuale ballottaggio risulta eletto il candidato che ha ottenuto più voti. Il 60% dei seggi del consiglio comunale va alle liste collegate al candidato sindaco vincitore, a meno che una lista non collegata al vincitore abbia ottenuto oltre il 50% dei voti . Il resto dei seggi è diviso tra le altre liste in modo proporzionale ai voti ricevuti. I candidati sindaco non eletti, collegati a liste che abbiano ottenuto almeno un seggio, sono automaticamente consiglieri comunali. Una volta assegnati i seggi ai candidati sindaci, i seggi rimanenti vengono divisi tra i diversi candidati consiglieri a seconda delle preferenze ricevute.

COMUNI CON MENO DI 15.000 ABITANTI – Si vota con il sistema maggioritario per il sindaco e per il consiglio comunale a un solo turno. Vince il candidato a sindaco che ha ottenuto il maggior numero di voti, anche se non rappresentano la maggioranza assoluta (anche, cioè, se ha ottenuto meno del 50%). A ogni candidato sindaco è associata una lista di candidati per il consiglio comunale. La lista collegata al candidato sindaco vincente ottiene i due terzi dei seggi del consiglio, il resto dei seggi è diviso proporzionalmente tra le altre liste. In ogni lista risulta eletto il candidato sindaco e chi ha ottenuto più voti di preferenza.  


» Federico De Rossi

I commenti sono disabilitati.

CERCAarticoli