Tutte le notizie di: | archivio
Articolo n° 412 del 21 Aprile 2006 delle ore 09:47

Comunali Savona: i candidati si preparano alla sfida

Savona. Fervono i preparativi per le Comunali del 28-29 maggio. I savonesi si recheranno alle urne per scegliere il nuovo sindaco ed il nuovo consiglio dopo la decadenza di Ruggeri, eletto in Regione. Un appuntamento elettorale con un anno di anticipo sulla naturale scadenza del mandato. Quattro i candidati alla poltrona di primo cittadino. Federico Berruti per il centrosinistra: commercialista e numero due di Bertolotto, 39 anni, capeggia una vasta coalizione che comprende Ds, Margherita, Comunisti italiani, Verdi, Rifondazione comunista, Rosa nel pugno, Udeur, Gente della Liguria. Vincenzo Delfino per il centrodestra: orefice e uomo nuovo alla politica, 72 anni, gode del sostegno di Forza Italia, An, Udc-Lista Biasotti, Lega Nord, Casa del cittadino, Movimento dei sindaci, Linea socialista; per lui una sfida difficile alla luce dei risultati delle Politiche. Patrizia Turchi per “A sinistra per Savona”: consigliere di Rifondazione comunista, psicologa, 47 anni, ha rotto con Rifondazione dopo l’alleanza con i Ds; appoggiata anche dal partito dei pensionati, si pone come alternativa della sinistra nella sinistra e guarda a chi non è rimasto soddisfatto dell’operato di Ruggeri. Domenico Buscaglia di “Noi per Savona”: ingegnere, 80 anni, già consigliere, punta all’elettorato ambientalista ed è appoggiato dal mondo associazionistico. Questi ultimi giorni sono stati caratterizzati da movimenti frenetici. Tra i Ds si è discusso sulla possibilità di una lista unitaria con la Margherita, che dia l’immagine di un’unica identità riformista sotto l’ombrello dell’Ulivo. I dati delle elezioni politiche suggerirebbero la via ulivista, ma la Quercia ha opposto resistenze preferendo le liste separate. La lista civica “Gente della Liguria” in appoggio a Berruti è nata su proposta dell’assessore regionale Pittaluga e viene da Cristian Ghigo Gaspari e Federico Barbano, consiglieri comunali uscenti di Forza Italia passati a sinistra; includerà esponenti della società civile, strizzando l’occhio all’area moderata. La Lega Nord ha escluso Roberto Nicolick dalla sua lista, suscitando un vespaio all’interno del partito. Egidio Pedrini, ex Udeur passato all’Italia dei Valori, sta prendendo accordi, probabilmente pensando ad una lista di moderati che porti acqua al mulino di Berruti. E dovrebbe correre con il simbolo del suo partito. Udc e Lista Biasotti si sono messi d’accordo per presentare un’unica lista sotto il simbolo “Casini-Udc” a sostegno di  Delfino nelle prossime elezioni comunali. Capolista Pietro Santi, mentre al secondo posto verrà inserito Michele Costantini in rappresentanza di Biasotti. Stasera alle 18, “faccia a faccia” organizzato dal quotidiano La Stampa fra i quattro aspiranti sindaci nella Sala Rossa del Comune. Sul tavolo i grandi temi cittadini: piano regolatore, industria e turismo, impianti sportivi, parcheggi e viabilità, modelli economici di sviluppo.


» F. Lammardo

I commenti sono disabilitati.

CERCAarticoli