Tutte le notizie di: | archivio
Articolo n° 596 del 03 Maggio 2006 delle ore 11:24

La Cardiologia del Santa Corona incontra i ragazzi delle Scuole

Pietra Ligure. I cardiologi del Santa Corona escono dalla corsia per insegnare ai bambini: è accaduto agli alunni di alcune scuole medie ed elementari del comprensorio che va da Finale Ligure a Loano. Su proposta del dott. Francesco Chiarella, Direttore della Cardiologia dell’Ospedale di Pietra Ligure, nonché presidente dell’associazione “Amici della Cardiologia del Santa Corona”, sono stati organizzati, nel corso dell’anno, diversi incontri di carattere educazionale.
In tali occasioni, la sala congressi del nosocomio pietrese è diventata una vera e propria aula scolastica ed i cardiologi del reparto hanno preso, per alcune ore,  il posto di “maestri”e professori: hanno parlato agli studenti di prevenzione e di malattie cardiovascolari; hanno insegnato loro come contrastare i fattori di rischio e come prestare primo soccorso alle persone colpite da attacco cardiaco.
“Gli alunni hanno partecipato all’iniziativa con grande interesse e molto entusiasmo: hanno anche realizzato, sotto la guida dei loro insegnanti, disegni, testi e vari filmati sugli argomenti trattati e che più li hanno colpiti. Perciò, a conclusione del progetto, abbiamo pensato di organizzare un’ultima giornata di incontro cui saranno presenti tutte le classi coinvolte sin d’ora. ” dichiara con soddisfazione il Dott. Chiarella. “Verranno innanzitutto presentati i testi, i disegni ed i filmati realizzati dagli alunni e, a fine giornata, procederemo alla premiazione dei migliori elaborati.”
L’incontro si terrà  presso la Sala Congressi dell’Ospedale Santa Corona, il giorno 4 maggio 2006 dalle ore 14.00 alle ore 16.00.
“E’ importante insegnare ai giovani i comportamenti corretti, educarli alla salute e trasmettere sin da piccoli la cultura della prevenzione. Il progetto ha dato grandi soddisfazioni: abbiamo ricevuto riscontri positivi da parte di tutti: gli insegnanti, i medici del reparto e soprattutto gli alunni, grandi e piccini. In futuro speriamo di ripetere l’iniziativa e coinvolgere quelle classi del territorio che quest’anno non hanno potuto partecipare.” commenta il Dott. Chiarella.
In questo modo la collaborazione tra istituzioni sanitarie e scolastiche, volta ad educare alla prevenzione e alla cura delle malattie cardiovascolari, è divenuta realtà.


» Redazione

I commenti sono disabilitati.

CERCAarticoli