Tutte le notizie di: | archivio
Articolo n° 727 del 10 maggio 2006 delle ore 05:53

Canoni demaniali: richiesto lo stop agli aumenti

Regione. Un decreto legge che rinvii la decorrenza di ogni aumento (300%) dei canoni demaniali fino all’entrata in vigore di un provvedimento di rivalutazione. La richiesta è contenuta in un documento varato oggi a Roma dagli assessori competenti – per la Liguria era presente l’assessore alla Pianificazione Territoriale e Urbanistica Carlo Ruggeri – che dopo l’approvazione della Conferenza dei Presidenti sarà presentato al nuovo governo. “In questo modo si comincerà a cancellare lo stato di incertezza che penalizza da quasi tre anni un comparto economico-produttivo molto importante per la Liguria”, spiega Ruggeri. Ma le Regioni italiane oltre alla sospensione dell’aumento chiedono la costituzione di un tavolo tecnico, offrendo la loro collaborazione al governo. “Insieme con le associazioni di categoria – aggiunge l’assessore ligure – le regioni potranno collaborare con i Ministeri per individuare le nuove tabelle e trovare una soluzione condivisa per arrivare a una rivalutazione che non abbia le caratteristiche dell’iniquità e della sperequazione”. Grande attenzione, nel documento approvato oggi, al tema della fiscalità e a quello della suddivisione delle risorse tra lo Stato e le Regioni. “Se da un lato lo Stato deve affrontare il problema della disparità di trattamento nel campo dell’Iva, dall’altro dovrà porsi la questione della copertura delle ingenti spese per il mantenimento e la valorizzazione della costa, spese che in questi anni sono state sostenute, in modo massiccio, dalle regioni e dai Comuni. Per queste finalità occorre che vengano impiegati in modo prioritario i proventi dei canoni, ma questi devono essere attribuiti alle Regioni”, spiega l’assessore della giunta Burlando.


» Redazione

I commenti sono disabilitati.

CERCAarticoli