Tutte le notizie di: | archivio
Articolo n° 782 del 12 Maggio 2006 delle ore 14:28

Elezioni Alassio: intervista a Marco Melgrati

1) Che cosa la spinge a fare politica?
Posso dire cosa mi ha spinto a entrare in amministrazione, cioè la possibilità poi concretizzata di vedere cambiare in meglio la mia città. Nel 1993 quando sono stato nominato Assessore ai Lavori Pubblici la città di Alassio era al degrado. Dopo 13 anni di buona amministrazione penso di consegnare la città agli alassini completamente rinnovata, riqualificata e con un valore aggiunto notevole. Se a questo si aggiunge il mio anticomunismo viscerale credo di aver risposto alla domanda.
2) Quali sono i punti salienti del vostro programma elettorale?
Sicuramente il proseguo di quanto già iniziato, specie sul fronte delle opere pubbliche: il completamento della riqualificazione della città; la realizzazione di un parcheggio completamente a rotazione in zona centrale; la possibilità di dare case ai residenti con una politica di edilizia convenzionata da attuare attraverso una modifica del Piano Regolatore che consenta la realizzazione di almeno 200 appartamenti; una maggiore promozione turistica da attuarsi nei bacini di maggior interesse turistico; il completamento delle grandi opere già appaltate con apporto sia pubblico che pubblico-privato: Grand Hotel e Centro Talassoterapico – Teatro-Centro Congressi – Stadio Ferrando – Centro Sportivo di Loreto – Depuratore…
3) Tre buone ragioni per cui gli elettori dovrebbero votarla.
La prima che sono e sono sempre stato disponibile per tutti. La mia porta è sempre stata aperta anche al di fuori degli orari e dei giorni di ricevimento come ben sanno i cittadini che mi hanno contattato o fermato per strada e che hanno sempre ricevuto il mio interessamento. La seconda che essendo un tecnico posso, come del resto faccio sempre tutte le mattine, controllare di persona tutti i cantieri aperti in città, anche quelli in Project Financing. La terza perché vorrei poter inaugurare quelle opere che questa amministrazione ha messo in cantiere destinate a cambiare il volto della città.
4) Che cosa fare per il turismo?
Come ho già detto vorrei una maggiore promozione del marchio Alassio da raggiungere anche attraverso la riqualificazione e l’ampliamento degli alberghi esistenti e soprattutto individuando nuove nicchie di turismo e nuove occasioni attraverso l’apertura del centro Termale e del centro Congressi e i grandi eventi Sportivi e Culturali, senza dimenticare che per un turismo di qualità non bisogna dimenticare aspetti quali la cura della città, la pulizia, l’arredo urbano e il verde pubblico.
5) Quale modello di sviluppo per Alassio?
Il modello è quello già tracciato nel corso di questi anni da questa amministrazione: qualità, cortesia, servizi, pulizia del mare e della collina, controllo del territorio, sicurezza e sviluppo delle attività commerciali e alberghiere. Il tutto coordinato con una riqualificazione urbana che questa Amministrazione sta portando avanti con grande perizia e da una significativa offerta culturale e di intrattenimento.


» Felix Lammardo

I commenti sono disabilitati.

CERCAarticoli