Tutte le notizie di: | archivio
Articolo n° 1206 del 04 Giugno 2006 delle ore 03:40

Notte di violenza e furti presso le discoteche del ponente

Ponente. Far west all’uscita delle discoteche del ponente ligure. Al di fuori del locale “Le Vele” di Alassio alcuni giovani turbolenti hanno seminato il panico tra i clienti che stavano entrando in discoteca. Secondo la testimonianza di frequentatori abituali del ritrovo si tratterebbe degli stessi ragazzi coinvolti nella rissa scoppiata al “Joy”, che si era conclusa con sei arresti e due denunce. I giovani teppisti hanno minacciato ed insultato gli avventori davanti all’ingresso del locale ed hanno invaso la strada ostacolando il traffico veicolare e prendendosela con gli automobilisti che transitavano. Sempre gli stessi i motivi dello scompiglio: gli addetti alla sicurezza non li hanno fatti entrare in discoteca e loro si sono ribellati. Ma c’è stata anche un’altra scintilla che ha aggravato la situazione: un ragazzo di Albenga, spalleggaito da amici cerialesi, ha ingaggiato un diverbio per futili motivi con alcuni giovani torinesi. Risultato: botte a non finire a suon di pugni, bastonate e cinghiate. Per dare il senso della violenza basti dire che un automobilista in arrivo al locale, vedendo la scena apocalittica, ha fatto marcia indietro urtando una macchina parcheggiata e se ne è scappato in tutta fretta. Un altro rischio cui vanno incontro i clienti dei locali notturni è quello dei furti. Ieri sera un ventenne albenganese, Salvatore Basso, è stato arrestato insieme ad un complice sedicenne per aver danneggiato una quindicina di auto posteggiate nei pressi della discoteca “La Suerte” di Laigueglia e presso “La Capannina” di Alassio. I due hanno svaligiato le vetture sottraendo borse, cellulari e capi d’abbigliamento. Intercettati dai carabinieri di Alassio, sono finiti in manette, mentre la refurtiva è stata recuperata. Si segnalano anche risse scoppiate allo “Sporting” di Finale Ligure, dove l’intervento delle forze dell’ordine ha messo in fuga malviventi impegnati a forzare un’auto e dove è stata sedata una lite tra alcuni ragazzi e i buttafuori del locale, uno dei quali ha subito il ferimento ad una mano. Proprio ieri il tenente colonnello Francesco Laurenti, comandante del provinciale dell’Arma di Savona, illustrando i dati relativi ai principali fenomeni di criminalità in provincia, aveva sottolineato l’incidenza degli episodi di violenza nelle discoteche, anche alla luce della recente rissa scoppiata al “Joy” di Alassio. Le forze dell’ordine, chiamate sempre più spesso ad arginare fenomeni di criminalità che gravitano intorno ai locali da ballo, si propongono il pugno di ferro: d’ora in poi verranno usati anche i fogli di allontanamento. Intanto ad Albissola Marina scoppia la polemica tra i “Soleluna”, il pub “Barcollo” ed il Comune, dopo la decisione sulla chiusura anticipata a mezzanotte. L’amministrazione comunale infatti ha fissato la chiusura alle ore 24 per dare una risposta alle risse, agli atti vandalici, agli schiamazzi e all’attraversamento selvaggio dell’Aurelia che derivavano dalla frequentazione dei due locali. I proprietari del discobeach e del pub si incontreranno oggi con l’assessore al turismo per presentare le proprie rimostranze contro il provvidimento che a loro avviso danneggerebbe gravemente la movida albissolese.


» F. Lammardo

5 commenti a “Notte di violenza e furti presso le discoteche del ponente”
Luca ha detto..
il 4 Giugno 2006 alle 23:03

Per motivi di ordine pubblico, sabato (ieri) hanno chiuso il Barcollo ed i SoleLuna ad Albissola..se dobbiamo giungere fino a questi punti significa che qualcosa non va, proprio per nulla. Sinceramente sono amareggiato da questo genere di episodi e stufo dei teppisti che hanno invaso le discoteche della Riviera..Ogni serata si rischiano scene da Far West e chi si vuole divertire veramente ed in pace con il mondo ne paga le conseguenze con i locali che chiudono…

vale ha detto..
il 5 Giugno 2006 alle 14:46

per non parlare di certa gente che viene assoldata apposta per provocare risse nei locali! c’è una vera e propria mafia, che nessuno si propone di debellare. le pene sono assolutamente ridicole..speriamo bene.. comunque concordo al massimo con luca.
complimenti per il sito!

Cristian ha detto..
il 5 Giugno 2006 alle 21:05

è una vera delusione vedere come si sia arrivati a questi punti…io non sono mai stato un amante delle discoteche nonostante la mia giovane età…e ora sono ancora più inorridito da tali luoghi…non oso pensare come possano sentirsi dei genitori di giovani come me che magari una volta ogni tanto hanno intenzione di andare in discoteca per divertirsi un pò…costretti a vivere nell’ansia e nella speranza che non si trovino in mezzo a situazioni del genere…allo stesso modo possono vivere queste situazioni fidanzati e fidanzate…che se per una sera vogliono andare in discoteca assieme si trovano costretti a temere che il/la proprio/a ragazzo/a vengano molestati o infilati in risse o tentativi di furto…

Marina ha detto..
il 6 Giugno 2006 alle 09:04

Mi complimento per la maturità di questi ragazzi che hanno commentato i fatti. Hai ragione Cristian, sono una madre che vive queste situazioni anche se per fortuna non spesso. Magari i giovani fossero tutti così responsabili e maturi, certamente riuscirebbero a divertirsi molto di più senza paure. E’ inutile scomodare tanti psicologi, alla base di questi atti c’è senz’altro una profonda ignoranza e sottocultura, il cervello non è abituato a ragionare e quindi è privo di elasticità e controllo.

Luca ha detto..
il 6 Giugno 2006 alle 09:59

C’è qualcosa che evidentemente non funziona. Sarà un malessere sociale o che altro a creare situazioni del genere?? La verità è che sta proprio cambiando tutto ed il senso civico ed il rispetto sono dei valori oramai sconosciuti ai più. Che vergogna!

CERCAarticoli