Tutte le notizie di: | archivio
Articolo n° 2045 del 17 Luglio 2006 delle ore 12:17

Anche gli amici a quattro zampe si lamentano di Trenitalia

Savona. Di Trenitalia non si lamentano soltanto pendolari e semplici viaggiatori ma, la denunzia è dell’ Enpa di Savona, anche coloro che,  soprattutto d’estate, accolgono gli appelli a non abbandonare il proprio cane e se lo portano assieme in viaggio. L’Enpa savonese pubblica l’esasperata lettera di una viaggiatrice che, dovendosi recare da Savona a Palermo, ha regolarmente acquistato il biglietto ferroviario per sé ed il proprio cane; ma è stata costretta, anche dall’atteggiamento di alcuni viaggiatori, a spostarsi o viaggiare nel corridoio, perché questi non “sopportavano” la presenza dell’animale; il regolamento di viaggio di Trenitalia infatti consente di allontanare, o addirittura di far scendere dal treno cane e padrone, se anche un solo altro viaggiatore si lamenta ! Intolleranze del genere si verificano ormai soltanto in Italia, dove si aggiungono una selva di divieti di accesso ai cani in molte zone cittadine, negozi, bar e ristoranti, spiagge e lungomari, contro i quali l’Enpa sta da tempo combattendo. E poi ci si lamenta del fenomeno dell’abbandono estivo degli animali che invece, negli altri paesi d’Europa (e in molti del cosiddetto terzo mondo) sono accolti ovunque senza problemi. L’Enpa sta predisponendo una richiesta a Trenitalia di modificare i regolamenti di viaggio, ad esempio garantendo la possibilità di accesso degli animali al seguito, indipendentemente dall’umore degli altri viaggiatori, almeno sull’ultimo vagone di ogni convoglio.


» Redazione

I commenti sono disabilitati.

CERCAarticoli