Tutte le notizie di: | archivio
Articolo n° 2253 del 26 Luglio 2006 delle ore 15:39

I Verdi su centrale di Vado e cokeria di Bragno

In Regione durante l’odierna seduta consiliare si è discusso della centrale termoelettrica di Vado Ligure. “I Verdi – dichiara il consigliere regionale Carlo Vasconi – aderiscono al documento congiunto sottoscritto dai Consigli Comunali di Quiliano e Vado Ligure in cui è stato votato un Ordine del Giorno dove ritengono che la proposta avanzata da Tirreno Power di realizzare un nuovo gruppo della centrale alimentato a carbone non possa essere accolta, in quanto la sua realizzazione rappresenterebbe un aggravio dell’impatto ambientale dell’impianto, senza le garanzie delle emissioni. Come Verdi abbiamo sollecitato la Regione affinché, nel rispetto del Piano Regionale della Qualità dell’Aria e delle istanze dei Comuni di Vado Ligure e Quiliano, la società Tirreno Power effettui sollecitamente la copertura del parco fossile e l’avviamento a metano anziché a gasolio dei gruppi 3 e 4, l’interramento degli elettrodotti in uscita dalla centrale nelle aree piu’ vicine alle abitazioni”. E’ stata anche accolta la proposta di avviare un’indagine epidemiologica sulla popolazione per avere un quadro certo sulle condizioni della salute pubblica nei Comuni di Vado e Quiliano, in quanto la centrale termoelettrica emetterebbe in atmosfera, oltre ai cosiddetti gas serra, anche benzene e polveri sottili. Si è parlato inoltre della
cokeria di Bragno in Val Bormida. “Il Comune di Cairo Montenotte è stato inserito nel Piano Regionale sulla Qualità dell’Aria come area critica per l’elevata presenza di agenti inquinanti” sottolinea Vasconi, “Da molti anni la cokeria di Bragno è oggetto di numerose proteste degli abitanti che lamentano la presenza in atmosfera di emissioni inquinanti, fumi e polveri: la Provincia ha ancora in itinere la pratica per il rilascio dell’Autorizzazione Integrata Ambientale alla Italiana Coke. Come Verdi abbiamo avuto assicurazioni dall’Assessore all’Ambiente Zunino che ARPAL effettuerà un monitoraggio degli inquinanti”.


» F. Lammardo

I commenti sono disabilitati.

CERCAarticoli