Tutte le notizie di: | archivio
Articolo n° 2255 del 26 Luglio 2006 delle ore 15:45

Mare mostrum 2006: promossa la provincia di Savona

Riviera. Nessuna bandiera nera per la provincia di Savona, una a testa per la provincia di Imperia e per La Spezia. I dati parlano di un miglioramento ma il mare e le coste italiane continuano a soffrire di mali vecchi e nuovi. Se da un lato il numero dei reati a danno di mare e coste è diminuito in termini assoluti (nel 2004 erano 5 infrazioni ogni 2 km di costa, nel 2005 sono 4), dall’altro, sono quasi raddoppiati i reati connessi all’inquinamento del mare (2.235 illeciti nel 2005, erano 1.406 nel 2004), mentre rimangono sostanzialmente stabili quelli relativi all’abusivismo edilizio che però sembra aver cambiato volto, realizzando sempre più manufatti di lusso.
E’ questo in estrema sintesi il quadro sullo stato di salute del sistema costiero italiano delineato da “Mare Monstrum 2006” il consueto rapporto di Legambiente sulle illegalità ambientali compiute in mare e lungo le coste. Come ogni anno l’indagine di Legambiente ha raccolto, grazie alla collaborazione delle Forze dell’ordine e delle Capitanerie di Porto, le storie e i numeri dell’ambiente costiero e del mare, che rimane costantemente minacciato soprattutto dall’inquinamento, dal cemento illegale, e oggi anche dalle grandi speculazioni edilizie, che arrivano perfino alla vendita d’intere isole. Bandiera nera al Consiglio comunale di Ospedaletti, per aver approvato la realizzazione del Porto Baia Verde, un nuovo porto turistico che rappresenta un’altra tappa verso la completa cementificazione della costa del ponente ligure. Il porto sorgerà nell’ex discarica Cogefar, che potenzialmente poteva ospitare l’unico spazio verde sul mare della provincia.
Bandiera nera anche alla Marinella Spa di Sarzana (Sp), per il progetto di “valorizzazione” della tenuta di Marinella che altera profondamente il territorio dell’area costiera della Val di Magra, prevedendo un aumento delle volumetrie di 6.000 metri cubi a fronte dei 2.500 previsti dal Piano regolatore di Sarzana.


» Redazione

I commenti sono disabilitati.

CERCAarticoli