Tutte le notizie di: | archivio
Articolo n° 2348 del 31 Luglio 2006 delle ore 10:08

Evviva i fuochi artificiali e un grazie dai piccoli di gabbiano

Sabato 20, dopo le 22, grande manifestazione pirotecnica con grandi arabeschi multicolori, folla accorsa da ogni dove, traffico intasato, auto rimosse dai vigili, spiagge e litorale trasformate in uno stadio. Purtroppo nessuno ha pensato agli stormi di piccoli di gabbiano e papere che vivono, anzi sopravvivono in condizioni al limite, presso la foce del Letimbro.
La chiatta con i fuochi, sponsorizzata dalla associazione bagni marini, si è ancorata a trecento metri al largo della foce del torrente ed ha iniziato il suo spettacolo pirotecnico accompagnato da sprazzi colorati e soprattutto da boati potentissimi. Questi piccoli di gabbiano, che magari non saranno simpatici a nessuno, stazionano li da giorni, in disperata attesa di qualche adulto della loro specie che li nutra. Ciò non accade da tempo oramai, e le bestiole indebolite dalla fame, dalla sete e dal caldo, si stanno spegnendo uno ad uno, come tante lampadine giunte ad esaurimento. Ogni giorno se ne trova uno morto, sulla foce del Letimbro, senza che animalisti ed istituzioni si rendano partecipi a fermare questo disastro faunistico. Forse fa piu’ notizia la foto del gabbiano agonizzante e sporco di greggio in Iraq. Questi piccoli gabbiani, sono nostrani, non hanno diritto di voto , poche persone gli gettano del cibo, e loro giovanissimi e deboli non hanno la forza !
 di procurarsene altro. Nonostante si sapesse perfettamente ciò, la chiatta dei fuochi artificiali, come una minacciosa portaerei si è ancorata davanti all’ultima casa di questi piccoli in agonia ed ha scatenato il putiferio: moltissimi terrorizzati sono fuggiti ovunque, molti sono impazziti per i decibel che gli rompevano i timpani delicati, domani e nei prossimi giorni continueranno a morire quietamente senza che le istituzioni si decidano a comprare un quintale di scarti alimentari ed a buttarli sul greto del torrente. Mi illudo: è una idea molto difficile da farsi venire, meglio pensare con partecipazione al rischio corso da un ricco notabile savonese la cui barca è stata urtata da un ricco notabile romano in una ricca localita’ vacanziera.

Roberto Nicolick consigliere provinciale lega nord


» Redazione

2 commenti a “Evviva i fuochi artificiali e un grazie dai piccoli di gabbiano”
Nikie ha detto..
il 8 Agosto 2006 alle 21:21

Quello che succede ai nostri animali è orribile. Colombi murati vivi, piccoli di gabbiano lasciati morire di fame e di sete…Solo all’estero c’è rispetto per gli animali cittadini? Perchè il Comune non interviene? Ma non è governato dalla sinistra? Che fanno i Verdi?
Perchè i cittadini si devono sentire in colpa a dare due briciole a un passerotto? Non dovrebbero vergognarsi quelli che li ammazzano a calci?

Roberto Socco ha detto..
il 9 Agosto 2006 alle 13:35

Caro/a Nikie,
solidarizzo con te e con il Consigliere della Lega Nord, ma permettimi un appunto:
che vuol dire “… ma il Comune non interviene? Ma non è governato dalla sinistra?”
Guarda che essere governati dalla sinistra non presuppone nessuna superiorità morale e etica. C’è gente della Sinistra che amministra anche bene e altri che sono delle disgrazie. Lo stesso vale anche per la Destra. Smettiamola con queste affermazioni senza senso. Nicolick come leghista sta con la destra ed ha dimostrato di essere un fervente animalista, altri come il Cons. Regionale della Lega Bruzzone sono invece per la caccia. Io, militante di AN, sto con Nicolick.
Gli invocati Verdi, è ora che tutti prendano atto, sono soltanto dei rossi che di verde hanno solo la scorza. Come le angurie.
Viva la libertà di opinione, senza vincoli di partito o di ideologia.

CERCAarticoli