Tutte le notizie di: | archivio
Articolo n° 2591 del 12 Agosto 2006 delle ore 13:09

“Viaggio nel Medioevo” a Finalborgo

Finale Ligure. Dal 17 al 20 agosto il centro storico di Finale, gli attori della Compagnia internazionale Viv’Arte, con il patrocinio del Comune e della Provincia di Savona, su delega della Regione Liguria, daranno vita a “Viaggio nel Medioevo”. Musici, giullari, giocolieri, mangiafuoco, falconieri, Cavalieri e uomini di ventura, vi faranno vivere un’avventura irreale in uno dei borghi più belli d’Italia, Finalborgo, la capitale della Marchesato dei Del Carretto riportata ai fasti del ‘400. Commercianti ed artigiani del paese indosseranno abiti consoni all’epoca ed accetteranno il Finarino, la moneta del Marchesato del Finale. La collaborazione pluriennale fra il Centro Storico del Finale e la Compagnia internazionale di Teatro da strada Viv’Arte, ha dato vita ad una manifestazione multilingua unica nel suo genere. Centinaia di personaggi in abiti medioevali provenienti da ogni parte d’Europa si avvicenderanno per le vie di Finalborgo: Cornamuse Scozzesi, Cavalieri dal Portogallo, Musici Francesi e Spagnoli, odalische rapite da terre d’oltremare, Principi Arabi, pellegrini, mendici e streghe, musica celtica e andalusa; lingue e culture diverse che vi faranno respirare l’aria dei trovatori medievali che percorrevano l’Europa come veicoli di cultura Mediterranea. Accampamenti medievali, festoni, bandiere, antichi giochi e mestieri, rifioriranno le antiche botteghe, tutto il Borgo farà un tuffo nel passato e il Marchese Giovanni, accompagnato dalla Marchesina e dalla Corte, che darà personalmente il benvenuto agli ospiti. Spettacoli, giochi, fuoco, magia e spade, ma non mancheranno i luoghi dove il viandante potrà rifocillarsi: nella splendida cornice dei Chiostri di Santa Caterina sarà allestita “La Locanda dei Cavalieri”,dove gli avventori potranno assaporare antiche ricette servite su piatti di pane direttamente dai Paggi del Marchese e ammirare i sensuali volteggi delle odalische giunte da terre lontane; L’ “Osteria dei Portoghesi” dell’Associazione “Arco de Covoes” vi farà provare l’ottimo vino portoghese e le loro antiche pietanze.


» Federico De Rossi

I commenti sono disabilitati.

CERCAarticoli