Tutte le notizie di: | archivio
Articolo n° 2819 del 24 Agosto 2006 delle ore 10:17

Confesercenti e Confcommercio: botta e risposta Zino-Ghiso

Savona. Prosegue la polemica serrata tra la Confesercenti provinciale di Savona e la Confcommercio. Teatro della discordia è il patrocinio della manifestazione del “Desbarassu”, ossia la vendita promozionale di prodotti di magazzino da parte di commercianti ed esercenti. Il presidente della Confesercenti Francesco Zino ha ribadito che la Confcommercio ha copiato l’iniziativa degli esercenti, il cui marchio è stato regolarmente registrato. Il Presidente provinciale della Confcommercio Fiorenzo Ghiso ha replicato che è stata la Confcommercio a lanciare per prima la manifestazione e che quest’anno è stata costretta a chiamarla “Desbarassemu” proprio per la registrazione del marchio fatta tutta in solitario dalla Confesercenti, nonostante la richiesta avanzata in più occasioni di svolgere assieme l’iniziativa: “non è stato possibile – ha dichiarato Ghiso – perchè la Confesercenti ha proposto il Desbarassu a ottobre, quando i nostri associati dell’abbigliamento sono impegnati nelle nuove collezioni”. “Abbiamo chiesto – ha replicato Zino una convergenza sull’iniziativa, ma non abbiamo mai ricevuto proposte alternative e concrete”. Ma il “Desbarassu” è, secondo alcune indiscrezioni, solo la facciata della polemica tra i due enti savonesi: la scontro sarebbe in realtà sui futuri assetti della Camera di Commercio e sulla distribuzione degli incarichi all’interno dell’ente camerale con il rientro, peraltro già programmato, di Ascom. Ghiso smentisce questa illazione, ma è chiaro che la polemica potrebbe influenzare la discussione su alcuni temi per il commercio e la piccola impresa savonese: l’utilizzo dell’ex aree della Metalmetron e la possibilità dello spostamento del mercato cittadino del lunedì. Due temi sui cui Confesercenti e Confcommmercio hanno manifestato posizioni diverse. “Ci siamo subito opposti al progetto del centro commerciale in maniera decisa – ha dichiarato Zino -. Il centro commerciale sarebbe infatti un duro colpo per i piccoli esercenti savonesi già provati dalla difficile crisi dei consumi”. La Confcommercio, invece, ha espresso posizioni più aperte, ritenendo che l’utilizzo commerciale dell’area può essere una strada percorribile a patto di inserire categorie merceologiche che non arrechino danno ai commercianti savonesi. “Per quello che riguarda il mercato del lunedì – ha ribadito Ghiso -, non è vero quanto ha detto Zino che noi siamo pronti a barattare il mercato con qualche posto auto per la città, la verità è che l’unica proposta arrivata dagli ambulanti della Confesercenti è lo spostamento del mercato cittadino in via Paleocapa, cioè la via commerciale della città di Savona, proposta nettamente respinta dai nostri associati”.


» Federico De Rossi

I commenti sono disabilitati.

CERCAarticoli