Tutte le notizie di: | archivio
Articolo n° 3006 del 01 Settembre 2006 delle ore 06:45

Raccolta funghi, come rivolgersi agli esperti

funghiDurante il periodo di crescita dei funghi molti appassionati si recano nei boschi per raccoglierli e consumarli, ed è proprio in questa stagione che aumenta il pericolo di intossicazioni, talvolta anche mortali. Le specie fungine sono migliaia ma non tutte commestibili, e spesso differiscono tra loro per caratteristiche che soltanto un esperto micologo sa riconoscere. Nonostante le ripetute raccomandazioni e gli inviti alla massima cautela, ogni anno si ripresentano casi di intossicazione, spesso causate da superficialità o troppa sicurezza. L’Azienda Sanitaria 2 ha istituito nel 2001 l’Ispettorato Micologico con compiti di prevenzione delle intossicazioni da funghi epigei spontanei attraverso il controllo dei funghi raccolti, commercializzati, trasformati.
Gli otto micologi dell’Ispettorato operano nelle sedi di Albenga, Loano, Carcare, Savona con le seguenti funzioni principali:
Attività di prevenzione (erogata gratuitamente)
– Controllo di commestibilità dei funghi destinati all’autoconsumo
– Supporto di consulenza ai Presidi Ospedalieri della Provincia in caso di intossicazione da ingestione di funghi (nel periodo di maggior raccolta di funghi, nel 2006 dal 5 settembre al 5 dicembre, 24 ore su 24 attraverso un servizio di Pronta Disponibilità)
– Attività informativa e di educazione sanitaria della popolazione attraverso la stampa aziendale, il sito internet aziendale, opuscoli didattici.
Attività di certificazione e consulenza (erogata a pagamento secondo tariffe regionali)
– Controllo e certificazione sanitaria di commestibilità dei funghi spontanei destinati alla vendita presso i Centri agroalimentari all’ingrosso
– Rilascio degli attestati di idoneità alla vendita delle specie fungine spontanee, previo colloquio, ai dettaglianti, ai raccoglitori che vendono i funghi, ai ristoratori che somministrano funghi raccolti in proprio (vedi Delibera Giunta Regionale n. 878 del 25/07/2003)
In relazione alle attività preventive, che interessano direttamente la cittadinanza, si sottolinea l’importanza di far controllare i funghi, prima del loro consumo, dai micologi dell’Asl, disponibili nelle sedi ed orari di seguito indicati; oltre a riconoscere le specie raccolte, potranno essere forniti utili consigli per la raccolta ed il trattamento dei funghi stessi, quali il consumo solo di funghi in perfetto stato di conservazione o di alcune parti del fungo o previa spellatura o bollitura.
E’ importante sottolineare che non devono essere essiccati funghi non sicuramente commestibili in quanto le tossine velenose non vengono neutralizzate dall’essiccazione e che deve essere prestata la massima attenzione alle conserve di funghi sott’olio preparate in casa perché possono far sviluppare la tossina botulinica.
E’ utile ricordare che i funghi sono scarsamente digeribili pertanto è necessario consumarli con moderazione e ben cotti; l’unica specie che si può consumare cruda senza inconvenienti è l’Amanita Caesarea (Ovulo buono). E’ opportuno evitare il consumo di funghi da parte di bambini sotto i 12 anni, di donne in gravidanza e allattamento, persone anziane o in non perfetta salute.
Durante la scorsa stagione, particolarmente generosa, si sono rivolti ai micologi circa 300 cittadini; in diversi casi l’intervento dei micologi è stato provvidenziale in quanto sono state portate all’osservazione specie tossiche, ed in alcuni casi mortali, che gli interessati erano intenzionati a consumare.
La necessità di incrementare tale richiesta di consulenza è però evidenziata dal numero degli intossicati che si sono rivolti ai pronto soccorso dei quattro presidi ospedalieri della Provincia. A tale proposito da diversi anni è attivo un servizio di Pronta Disponibilità Micologica con funzioni di consulenza per le strutture ospedaliere in caso di intossicazioni da ingestione di funghi; la tempestività del riconoscimento della specie ingerita è spesso determinante per la prognosi dell’intossicato in quanto consente di iniziare in tempi brevi la terapia appropriata. Nello scorso anno sono state richieste 17 consulenze micologiche per episodi di intossicazione a seguito di ingestione di funghi.
Sedi e orari dell’Ispettorato (apertura dal lunedì al venerdì):
Savona: Via Collodi 13 tel. 019/8405910-915 dalle ore 12 alle ore 13.
Albenga: Via Trieste tel. 0182/546262-223 dalle ore 12 alle ore 13.
Loano: Via Stella 36 tel. 019/666210 dalle ore 11.30 alle ore 12,30.
Carcare: Via del Collegio 18 (presso Servizio Veterinario) tel. 019/5009520 dalle ore 12 alle ore 13.


» Felix Lammardo

I commenti sono disabilitati.

CERCAarticoli