Tutte le notizie di: | archivio
Articolo n° 3162 del 07 Settembre 2006 delle ore 08:00

Morta in ospedale dopo un malore, disposta l’autopsia

OspedaleCarcare. E’ morta nel reparto di rianimazione dell’ospedale San Paolo di Savona. Gianfranca Mazzone, 39 anni, residente a Carcare ma originaria di Cengio, è deceduta dopo avere accusato una serie di malesseri. La donna, assistente in uno studio dentistico savonese, comincia ad avere problemi respiratori, dolori al torace, poi svenimenti. Viene trasportata all’ospedale di Cairo ma i medici non riescono a capire quale sia il problema, la diagnosi tarda ad arrivare. Viene disposto il trasferimento al San Paolo di Savona. Qui la donna passa dal pronto soccorso in rianimazione e in breve il suo cuore cessa di battere. Una tragedia che non ha ancora una spiegazione. I vertici dell’Asl hanno disposto l’autopsia sul corpo della donna e stanno eseguendo una serie di accertamenti per ricostruire che cosa possa essere successo, ma esludono che ci siano state perdite di tempo o carenze nell’assistenza da parte del personale medico. Di fronte a questo decesso misterioso l’ipotesi più accreditata è quella del disseccamento dell’aorta toracica provocato da un aneurisma, ma risposte definitive arriveranno dall’esame autoptico che verrà eseguito al Santa Corona di Pietra Ligure. Gianfranca Mazzone lascia il marito Eliseo Miragliotta, con cui viveva in via Leopardi a Vispa, la madre e una sorella.


» Felix Lammardo

I commenti sono disabilitati.

CERCAarticoli