Tutte le notizie di: | archivio
Articolo n° 3321 del 13 Settembre 2006 delle ore 11:17

La Canottieri Sabazia prepara il Meeting Internazionale

Savona. Si è svolta a San Miniato, in provincia di Pisa, la terza prova nazionala delle gare giovanili di canoa olimpica, per il circuito “Canoa Giovani”, riservate ai ragazzi tra gli 11 e i 14 anni. Fra le numerose società presenti, giunte da tutta Italia, per un totale di circa 600 giovani atleti con altrettanti allenatori e genitori al seguito, c’era anche la Canottieri Sabazia, che ha conquistato un ottimo 14esimo posto finale nella classifica per società, grazie a 3 medaglie d’argento e 5 di bronzo. I secondi posti sono stati conquistati da Alberto Cavestri (nei 200 e nei 2000 metri K420) e da Elena Servodio (2000 metri K1 Cadette). Le medaglie di bronzo per la società biancorossa sono arrivate da diversi equipaggi, dei quali facevano parte Lorenzo Apicella, Davide Meistro, Christian Savoia, Emanuel Cabib, Nicola Venturino, Duino Schiappapietra, Marco Fardellini, Libero Volpini e Giacomo Siri. I giovani della società del presidente Ruggero De Gregori sono stati accompagnati in questa bella esperienza dai loro allenatori Cristina De Gregori e Davide Frumento.
I giovani atleti hanno potuto conoscere anche i campioni Antonio Rossi e Beniamino Bonomi, ospiti della manifestazione.
Intanto la società savonese sta preparando il Meeting Internazionale di canoa olimpica, “27esimo trofeo medaglia d’argento Presidente della Repubblica”. La manifestazione si svolgerà sabato 23 e domenica 24 settembre nello specchio d’acqua antistante la Torretta di Savona. Pertanto la locazione così centrale permetterà a tanti curiosi, oltre agli appassionati, di seguire le gare e di entusiasmarsi per questo sport.
La gare principali del trofeo saranno quelle di canoa olimpica, cui probabilmente prenderà parte anche la fortissima squadra Idroscalo Milano, vincitrice delle ultime tre edizioni di questa competizione. Sabato 23, dalle ore 10, si disputeranno le gare di 1000 e 2000 metri. Domenica, dalle 9:30, le gare di velocità K1, K2, K4. Alle 10:30 ci saranno le batterie e dalle 14 le finalissime. Domenica verrà assegnato anche il trofeo “Mare e Monti”, alla prima società classificata al termine del Meeting, dopo la disputa delle gare di senior di K1, maschili e femminili.
Infine, per il sesto anno, a contorno della manifestazione ci sarà anche una gara di dragon boat, riservata a equipaggi che rappresenteranno diversi comuni. Nell’albo d’oro sono presenti Vado Ligure (3 vittorie), San Remo e Savona, campione in carica. Il dragon boat è una disciplina sportiva diffusa in tutto il mondo che prevede gare su imbarcazioni standard lunghe 12,66 metri e larghe 1,06. Queste imbarcazioni sono sospinte da venti atleti, che usano pagaie di lunghezza compresa tra 1,05 e 1,30 metri, larghe non più di 18 centimetri, al ritmo scandito da un tamburino. A poppa dell’imbarcazione un timoniere tiene la direzione con un remo lungo circa 3 metri. Il nome deriva dalla testa e la coda di drago che sono presenti a prua e a poppa dell’imbarcazione, a testimoniarne l’origine orientale.


» Christian Galfrè

I commenti sono disabilitati.

CERCAarticoli