Tutte le notizie di: | archivio
Articolo n° 3386 del 15 Settembre 2006 delle ore 15:32

Albenga, le piante in vaso le più colpite dagli allagamenti

AllagamentiAlbenga. Nel comprensorio ingauno i danni causati dal maltempo si sono verificati soprattutto a levante, sia nella parte del Comune di Albenga che in quella di Ceriale. Tra le aree più colpite dagli effetti del nubifragio, la via del Cristo sino al cimitero di Leca, San Fedele e Lusignano. “Stiamo monitorando la situazione e questo pomeriggio faremo ulteriori sopralluoghi nelle diverse zone della Piana che hanno subito allagamenti” dice Miriano Losno della CIA (Confederazione Italiana Agricoltori) di Albenga. “Stiamo inoltre valutando sia i danni strutturali che quelli alle produzioni: le piante in vaso sono finite sott’acqua. E adesso che i terreni cominciano a prosciugarsi, resta quella fanghiglia che compromette lo sviluppo della pianta”. Ma una quantificazione vera e propria delle ferite profonde lasciate all’agricoltura si potrà avere solo quando sarà cessata la perturbazione. “Proprio ora avverto dei tuoni e non vorrei che venisse un’altra ‘botta d’acqua’ anche oggi pomeriggio” confessa l’esponente della CIA. Le colture che hanno subito maggiori problemi sono state le piante floricole in vaso, le aromatiche e le coltivazioni in serra come i ciclamini o le stelle di Natale. Ma anche i terreni in pien’aria con gli ortaggi che in questo periodo si cominciavano a seminare non se la sono passata bene. Nell’entroterra invece i danni sono stati quelli causati dalle frane, con i muri delle fasce abbattuti dall’acquazzone e l’ostruzione delle strade vicinali. “Siamo in contatto con l’assessorato regionale all’agricoltura e con l’ispettorato dell’agricoltura di Savona per ottenere il riconoscimento dello stato di calamità naturale” dice Losno prima di tornare al lavoro in una giornata in cui arrivano ancora valanghe di segnalazioni da parte degli agricoltori albenganesi.


» Felix Lammardo

I commenti sono disabilitati.

CERCAarticoli