Tutte le notizie di: | archivio
Articolo n° 3444 del 18 Settembre 2006 delle ore 17:49

Guardia di Finanza Savona: nuovo comandante, il colonnello Roberto Visintin

Savona. Ha lasciato quattro giorni fa il comando della Scuola alpina della Guardia di Finanza di Predazzo per assumere la responsabilità del comando provinciale delle fiamme gialle di Savona. Nel lasciare il suolo trentino, aveva evidenziato “l’intenso rapporto umano e collaborativo venutosi a creare con le autorità e la popolazione”. E’ il colonnello Roberto Visintin, nativo di Varese, classe 1960, che si è trasferito giovanissimo a Genova con la famiglia, si sente “ligure d’adozione”, e ora è appena entrato negli uffici savonesi di via Famagosta in sostituzione del comandante Pasquale Petrosino. “Mi sento ligure perché sono cresciuto a Genova. Quella di Savona è una realtà territoriale che, pur in maniera marginale sinora, conoscevo già da tempo. Oltre ad essere stato in reparti genovesi, avevo già comandato la compagnia di Ventimiglia” spiega. Anche per un militare con ventisette anni di carriera alle spalle, cambiare raggio d’azione significa necessità di acclimatarsi. “Per me oggi è il primo giorno, devo quindi prendere un po’ dimestichezza con la situazione in corso. Ho già idea della realtà geografica, ma spero di entrare subito nel vivo dell’attività pratica. Ho appena messo piede qui e mi sto guardando intorno per cogliere tutti gli aspetti del reparto e della realtà in cui sono chiamato ad operare. In questi giorni iniziali c’è un adattamento proprio a livello personale, dopodiché ci butteremo ‘anima e core’ nelle operazioni del gruppo”. Il comandante Petrosino è ancora fisicamente presente. “Sotto la sua guida sto facendo una mappa di tutto quello che accade sul territorio e che è di interesse della Guardia di Finanza” precisa il suo successore. Quanto alle prospettive operative? “Come si dice in certi casi, cavallo vincente non si cambia. Continueremo sulla linea già avviata”. Dal 2002 ad oggi il colonnello Petrosino ha guidato le fiamme gialle in una serie di operazioni importanti, anche di portata nazionale, per esempio nell’ambito della lotta al traffico di sostanze stupefacenti e anabolizzanti e del sequestro di merce contraffatta. Rilevanti anche le operazioni contro l’evasione fiscale, ultima delle quali denominata “Gold Cow” (cliccare qui), con l’arresto di un imprenditore che non ha dichiarato al fisco ricavi per 180 milioni di euro. Tra i problemi che deve affrontare il nuovo responsabile provinciale, quello della commercializzazione abusiva di prodotti contraffatti, che si è fatto sentire in modo particolare quest’estate sulle spiagge della Riviera, soprattutto nell’estremo ponente. “La nostra attenzione sarà sempre continua sul versante della contraffazione – garantisce il colonnello Visintin – Certo è difficile debellare definitivamente il commercio abusivo. E’ un fatto sempre dilagante e non solo Liguria, anzi in altre regioni il fenomeno è ancora più macroscopico”. Alla fine di marzo era partita dalla Guardia di Finanza di Savona un’indagine contro la vendita di prodotti senza marchio Ce e pericolosi per la sicurezza che aveva portato al sequestro complessivo di 350 mila articoli per il valore di un milione di euro.


» Felix Lammardo

I commenti sono disabilitati.

CERCAarticoli