Tutte le notizie di: | archivio
Articolo n° 3460 del 19 Settembre 2006 delle ore 12:04

Millesimo: XIV Festa Nazionale del tartufo

Millesimo. L’evento che si terrà sabato 23 e domenica 24 , organizzato dalla Comunità Montana Alta Val Bormida, conta sul patrocinio della  Regione Liguria, Provincia di Savona, Gal ed Apt Riviera delle Palme ed il quotidiano La Stampa. Obiettivo, l’organizzazione di una manifestazione di grande richiamo, che unisca la valorizzazione dei prodotti tipici ed appuntamenti di spettacolo, per promuovere il tartufo valbormidese le cui qualità organolettiche sono ormai riconosciute, ed apprezzate, da tutti gli esperti. Un percorso che non può esimersi dal basarsi sulla sinergia con gli operatori del settore, anche attraverso iniziative collaterali. Un esempio è la collaborazione sviluppata tra i ristoratori di Millesimo e l’Associazione Tartufai e Tartuficoltori Liguri, con i ristoranti che esporranno l’indicazione “Qui!” che proporranno esclusivamente menu a base di vero tartufo valbormidese, così come le piccole boutiques di prodotti tipici.Del resto, l’assessore al Turismo e Cultura dell’Ente Montano, Marco Pella, ha voluto fin da subito mettere in atto una strategia di marketing territoriale che partendo dalla valorizzazione del prodotto arrivi alla soddisfazione del consumatore. Un’azione quindi mirata che certifica la filiera dalla terra al piatto e mette in evidenza la serietà del territorio e la volontà di lavorare verso un unico obiettivo: sviluppare sempre più flussi turistici di nicchia e dunque movimenti sostenibili dal mare e dalle Langhe verso la Val Bormida. Ottica nella quale si inserisce la volontà di accompagnare il prodotto e la sezione del Mercatino del tartufo, che per due giorni si svolgerà nella splendida cornice di Piazza Italia, con altri ricercatissimi prodotti qualificati dai presidi Slow Food. A partire dalle ore 12 di sabato, quindi, la possibilità di rivolgersi ai vari stand dove poter degustare prodotti provenienti da tutto il territorio nazionale e dal mondo intero. Le degustazioni continueranno fino alle ore 19 sia del sabato sia della domenica. Del resto, Slow Food promuove, comunica e studia la cultura del cibo in tutti i suoi aspetti.La sua mission è educare al gusto, all’alimentazione, alle scienze gastronomiche, salvaguardare la biodiversità e le produzioni alimentari tradizionali ad essa collegate, promuovere un nuovo modello alimentare, rispettoso dell’ambiente, delle tradizioni e delle identità culturali, capace di avvicinare i consumatori al mondo della produzione, creando una rete virtuosa di relazioni internazionali e una maggior condivisione di saperi. Dalla collaborazione tra la Fondazione e la Comunità Montana nasce un programma interessante dove troveranno posto produttori e prodotti selezionati nell’ambito dei Presidi Italiani e Internazionali, realtà produttive di qualità provenienti dal territorio locale e regionale e naturalmente il tradizionale e prestigioso mercato del tartufo. Per completare la gioia del palato, un’enoteca, il microbirrificio Scarampola e la possibilità di degustare piatti a base di tartufo preparati da noti chef “ciocciolati” Slow Food. Due i laboratori del Gusto: “Truffe che odorano di tartufo” e “Il crudo di Afrodite”. A cornice, divertenti i giochi per ragazzi, innovativo il mercatino degli hobbies così come profondamente interessane la mostra al Castello Costa del Caretto dedicata alla storia dei prodotti e comunicata attraverso i colori e le immagini, mentre nella Sala consigliare, la mostra fotografica intitolata “Terre del Tartufo”. Ma se il protagonista indiscusso della manifestazione sarà il tartufo, sicuramente altrettanto attesi sono gli appuntamenti di spettacolo, resi possibili anche per l’interessamento dell’assessore all’Indusrtria, Arnaldo Bagnasco, esperto frequentatore di studi televisivi. Sabato, alle ore 19, la presentazione delle squadre della Polisportiva di Millesimo; alle ore 21, “Alla ricerca di Lady Tartufo”, show condotto dal mitico  inviato di Striscia la notizia Jimmy Ghione che, con la sua carica di energia, incontrerà il pubblico rosa eleggendo con intuito tre ladies: Lady Tartufo Bianco, Lady Tartufo Nero e Lady Tartufo 2006. Le finalissime verranno premiate ciascuna con 1 week-end in Costa Azzurra per due persone offerto da Caitur Viaggi di Cairo. Un simpatico connubio tra la valorizzazione del prodotto in abbinamento alla bellezza femminile, ovviamente condotto con la giusta dose di divertimento ed ironia. Domenica,  esibizione della Banda Pizzorno e di artisti di strada, alle ore 16, sarà poi il momento di un testimonial d’eccezione: Antonio Ricci, patron di Striscia la Notizia, grande amico della Val Bormida, oltre che di Bagnasco. Un grande duetto, con  Antonio Ricci, testimonial e Jimmy Ghione l’animatore di uno spettacolo tutto a sorpresa e dall’intrigante titolo: “Striscia il Tartufo”. Alle 18 il concerto del gruppo “Gli amici di Django Reinhardt”. Ma la sfilata di grandi personaggi continuerà fino a sera con le graditissime presenze di Romeo Benetti, Beppe Furino e Claudio Sala. A completare le due giornate: le dimostrazioni “quattrozampe all’opera”.


» Redazione

I commenti sono disabilitati.

CERCAarticoli