Tutte le notizie di: | archivio
Articolo n° 3529 del 21 Settembre 2006 delle ore 14:12

Finalborgo: convegno internazionale “la nascita della paletnologia in Liguria”

Finale L. “La nascita della paletnologia in Liguria: personaggi, scoperte e collezioni tra XIX e XX secolo”, questo è il titolo del convegno internazionale promosso dal Ministero per i beni e le attività culturali, dal Museo Archeologico del Finale, dall’Università degli Studi di Genova, dal Comune di Finale Ligure, dall’Istituto internazionale di Studi Liguri e dalla Regione Liguria, che si terrà domani venerdì 22 e sabato 23 settembre nel Complesso monumentale di Santa Caterina a Finalborgo. Con questo incontro si vorrà ricostruire e ripercorrere quella rete di contatti che si sviluppò a partire dalla seconda metà del XIX secolo, soprattutto intorno alla figura di Arturo Issel, che sfociò con la nascita in Liguria della Paletnologia. In Europa la Paletnologia si afferma, nel terzo quarto del XIX secolo, con una cospicua presenza di naturalisti italiani, molti dei quali di origine ligure od operanti in questa regione. Doveroso ricordare come nel 1865 a La Spezia, durante il Congresso dei Naturalisti Italiani, venne promosso il primo Congresso Internazionale Paletnologico dedicato allo studio dei gruppi umani vissuti contemporaneamente a faune estinte. Fortemente legata alla geologia e alle scienze naturali, l’archeologia preistorica, in Liguria, mosse i suoi primi passi nell’ambito di ricerche condotte da studiosi afferenti ad altre discipline, o di amateurs, che raccogliendo direttamente reperti, scambiandoseli reciprocamente, acquistando materiali di confronto sul mercato antiquario, andarono a formare importanti e vaste collezioni oggi in parte disperse e smembrate. Un intenso intreccio di conoscenze che ebbe impulso tra i salotti culturali, i collegi religiosi, le accademie, le società di studio, la nascente università e intorno a figure di collezionisti e amministratori tesi a costruire un patrimonio museale pubblico. L’incontro vuole focalizzare l’attenzione sui personaggi e gli eventi legati alla nascita della Paletnologia in Liguria, contestualizzare il fenomeno in un areale più ampio, rintracciare la documentazione di archivio, comprendere la formazione e circolazione delle collezioni anche in relazione al loro uso didattico e pedagogico, individuare gli strumenti più idonei a valorizzare tale patrimonio storico.


» Redazione

I commenti sono disabilitati.

CERCAarticoli