Tutte le notizie di: | archivio
Articolo n° 3642 del 26 Settembre 2006 delle ore 11:44

Savona, situazione carcere: interrogazione al Ministro Mastella

Savona. Dopo la visita della delegazione di Rifondazione Comunista al carcere Sant’Agostino di Savona, il deputato Sergio Olivieri ha presentato una interpellanza parlamentare al Ministro di Grazia e Giustizia Clemente Mastella sulla situazione del carcere savonese e sul nuovo penitenziario previsto in località Passeggi tra Savona e Quiliano. Di seguto il testo integrale dell’interrogazione scritta: “il 15 settembre 2006 l’interrogante ha visitato il carcere di Savona, denominato Sant’Agostino, e ne ha personalmente verificato le pessime condizioni ambientali, igieniche e strutturali essendo l’edificio carcerario un vecchio convento risalente al 1400 e utilizzato quale luogo di detenzione a partire dall’età napoleonica; in virtù di tale situazione il Sant’Agostino di Savona è stato inserito nell’elenco delle strutture carcerarie da dismettere e pare essere già stato avviato l’iter per la realizzazione del nuovo carcere che dovrebbe sorgere in località Passeggi nel comune di Savona; la realizzazione della nuova struttura carceraria è condizione necessaria per la dismissione del Sant’Agostino; il 25 luglio 2006 i giornali savonesi hanno riportato alcune dichiarazioni del Vice Sindaco de Comune di Savona Paolo Caviglia secondo cui le risorse finanziarie stanziate per la realizzazione della nuova struttura carceraria risulterebbero insufficienti rispetto alle reali necessità; tale circostanza, ove venisse confermata, metterebbe in seria discussione la realizzazione della nuova struttura nei tempi ipotizzati: se rispondono a verità le notizie relative all’insufficienza delle risorse finanziarie stanziate, se sia stato ultimato l’iter progettuale della nuova struttura e, in caso contrario, quando si ritenga possa essere approvato il progetto esecutivo dell’opera e quando si ritenga possano avere inizio i lavori per la realizzazione del nuovo carcere savonese ed in quanto tempo; in ogni caso, quali interventi si intendano mettere in atto per rendere igienicamente ed ambientalmente accettabile l’attuale struttura carceraria savonese, nella quale i detenuti scontano di fatto una doppia pena e le stesse condizioni di lavoro degli agenti di polizia penitenziaria e del personale amministrativo risultano essere alquanto difficili.


» Federico De Rossi

I commenti sono disabilitati.

CERCAarticoli