Tutte le notizie di: | archivio
Articolo n° 3792 del 02 Ottobre 2006 delle ore 17:37

Atletica, il genovese Luca Campanella vince il “Trofeo Robotti”

Vado Ligure. L’ottima organizzazione della Podistica Savonese e una bella giornata soleggiata anche se un po’ ventosa hanno contribuito al successo del XIV “Trofeo Robotti”, gara podistica non competitiva disputata ieri tra Vado Ligure e Bergeggi, con la collaborazione dei due comuni per organizzare la manifestazione.
Il via alla gara è stato dato alle 9:30 e sono stati ben 85 gli atleti che hanno concluso la competizione, a dimostrare un vero e proprio successo per questa corsa podistica. La vittoria assoluta è andata a Luca Campanella, portacolori del CUS Genova, che ha chiuso la prova in soli 30’23”. Campanella ha compiuto lo scatto decisivo nell’ultimo chilometro di gara ed ha preceduto di 1 minuto e 13 secondi Fulvio Mannori, della Città di Genova. Terzo si è classificato Franco Cusinato (Orecchiella Lucca), davanti a Flavio Occelli (Marine Bike Thriatlon), Fausto Parigi, Corrado Ramorino (Varazze), Silvio Enzi (Varazze), Emiliano Dagnino (Serenella), Lino Fante (Runners Loano), Mauro De Simone (Varazze) e tutti gli altri a seguire.
Prima fra le donne e ventesima assoluta Elena Spallina, atleta della Podistica Savonese. Elena, reduce da una bella prova alla Berlin Marathon dello scorso 24 settembre, ha messo dietro di sé molti atleti maschi e ha preceduto di soli 14 secondi Eleonora Serra (Arcobaleno Savona): tra le due quindi è stato quasi uno sprint per tagliare per prima la linea del traguardo. Terza fra le ragazze è giunta Giuseppina Gioseffi dell’Atletica Varazze in 43’33”. A seguire, quarta Marina Pennestri (APS), quinta Claudia Costa (Varazze), sesta Anna Maria Lepore (Podistica Savonese), settima Graziella Gattullo (Podistica Savonese) e via via tutte le altre.
Il percorso della gara misurava 9,5 chilometri. La partenza è stata data nei pressi della S.M.S. San Genesio in via Montenero; da lì i partecipanti hanno percorso via Na’ Munte e al termine di una breve rampa, via Trieste. Da lì, dopo 3 chilometri di salita, hanno raggiunto il bivio per Bergeggi e hanno percorso per un centinaio di metri l’Antica via Romana. Da lì hanno imboccato lo stretto sentiero del parco botanico e in seguito la strada sterrata con segnali F.I.E e dopo aver superato il Forte Sant’Elena sono tornati al bivio e quindi in Via Trieste e all’arrivo, posto nei pressi della partenza.
Da segnalare una bella iniziativa degli organizzatori che hanno donato parte del ricavato delle iscrizioni alla Casa di Riposo di Vado Ligure.

 


» Christian Galfrè

I commenti sono disabilitati.

CERCAarticoli