Tutte le notizie di: | archivio
Articolo n° 3801 del 03 Ottobre 2006 delle ore 07:57

Varazze, primi finanziamenti per la messa in sicurezza dalle alluvioni

VarazzeVarazze. In arrivo le prime risorse per risolvere, con un unico intervento, i problemi di messa in sicurezza dalle alluvioni del centro abitato di Varazze. La Giunta regionale ligure ha stanziato 2 milioni e 290 mila euro, mentre il Comune si è impegnato a intervenire con un altro milione di euro. I fondi regionali arrivano dai finanziamenti ministeriali per la difesa del suolo, quelli comunali dalle risorse della civica amministrazione del Savonese. “L’obiettivo – chiarisce Franco Zunino, assessore regionale all’ambiente – è quello di risolvere i problemi di sicurezza idrogeologica di un’area densamente insediata sia dal punto di vista abitativo sia turistico e commerciale come quella di Varazze”. Ad esporre al rischio di inondazioni il centro della località rivierasca sono le inadeguate dimensioni dell’alveo del Torrente Teiro e del rio Arzocco nei rispettivi tratti terminali. Per risolvere il problema è stato approvato un progetto definitivo che richiede l’investimento complessivo di 9,3 milioni di euro. “Le risorse già a disposizione sarebbero sufficienti per un primo lotto dell’intervento – sottolinea l’assessore Zunino – la Regione Liguria ha però avviato intense trattative per ottenere nuovi finanziamenti dal Ministero dell’Ambiente, che ha mostrato una buona disponibilità, per attivare un unico e risolutivo intervento”.Sarebbe in questo modo possibile appaltare in un’unica soluzione tutti i necessari lavori di adeguamento della sezione idraulica del Torrente Teiro, attraverso il rifacimento della copertura stradale e dei muri d’argine, oltre al ridisegno del corso del rio Arzocco nel tratto terminale fino alla confluenza con il Teiro. è prevista inoltre la razionalizzazione di alcune opere di urbanizzazione del centro di Varazze, dalla viabilità ai parcheggi.


» Felix Lammardo

1 commento a “Varazze, primi finanziamenti per la messa in sicurezza dalle alluvioni”
Marco ha detto..
il 12 Ottobre 2006 alle 15:10

Era ora !!
La via Piave che risale il lungo teiro è pericolosissima per i pedoni, il marciapiede è presente solo per i primi 50 metri. Nei weekend o nei periodi di maggiore affluenza, con le auto parcheggiate alla selvaggia sul lato della strada, camminare è praticamente un rischio continuo.
Speriamo solo che tutto non finisca come al solito in lungaggini burocratiche o intoppi amministrativi.

CERCAarticoli