Tutte le notizie di: | archivio
Articolo n° 3841 del 04 Ottobre 2006 delle ore 11:49

Carcare, progetto per scuola materna e altri interventi

Carcare. Il progetto per ampliare la scuola materna di Carcare, redatto dal Comune di Carcare in collaborazione con il Comune di Plodio, è stato ammesso ad un bando regionale e riceverà così un finanziamento di quasi 241.500 euro dalla Regione e un contributo di circa 34.000 euro dalla Provincia. Il progetto, già inserito nel bilancio di previsione 2006, era finanziato interamente con un mutuo di 290.000 euro a carico del Comune. Con l’arrivo dei finanziamenti regionale e provinciale, la realizzazione dei lavori peserà sulle casse comunali soltanto per 14.500 euro. Con i 275.500 euro “liberati” dal progetto della scuola elementare, il Comune ha deciso di finanziare una serie di altre opere pubbliche anticipandone alcune, inizialmente previste nel 2007, al 2006:

– realizzazione impianti di allarme per biblioteca e palazzetto dello sport 15.000 €
– acquisto bob kat per sgombero neve 30.000 €
– illuminazione pubblica: manutenzione straordinaria e interventi per il risparmio energetico 28.000 €
– recupero e risanamento conservativo palestra scuola elementari 18.750 € (+ 43.750 € di contributo regionale)
– costruzione nuovo magazzino comunale e nuovi spogliatoi per impianto sportivo tennis 50.000 €
– manutenzione straordinaria immobile comunale piazza Genta 50.000 €
– potenziamento sistema informatico e telefonico comunale 28.450 €
– interventi acquedotto 40.000 €
– rifacimento fognatura e asfaltatura via Fornace Vecchia 35.000 €
– attrezzature cimitero 19.500 €

All’elenco va anche aggiunto il progetto per la realizzazione della caldaia a cippato, per il quale la Regione ha concesso al Comune un finanziamento di 200.000 euro.

Nel corso del consiglio comunale è stato respinto un emendamento del gruppo “Progressisti per Carcare” che proponeva la cancellazione dell’intervento di ampliamento del bocciodromo, finalizzato a ricavare i nuovi locali per ospitare Avis e Croce Bianca, proponendo di traslocare le associazioni nei locali comunali di Vicolo Colombo) e di trasferire i 300.000 euro di quell’intervento per il progetto della caldaia a cippato. “L’emendamento è stato respinto in quanto l’intento dell’Amministrazione Comunale di ampliare il bocciodromo per sistemarvi Croce Bianca e Avis non è mutato – sottolinea il sindaco, Angela Nicolini – Inoltre, in un locale di piazza Genta è attualmente ospitato il Liceo Musicale Cilea di Savona e nei locali rimanenti è intenzione dell’Amministrazione Comunale ubicare l’ufficio del Gruppo Comunale di Protezione Civile e arredare una cucina per le manifestazioni gastronomiche che si svolgono in piazza Genta. Per la costruzione della nuova caldaia del polo scolastico, alimentata a cippato, il Comune ha ottenuto dalla Regione 200.000 euro di contributi”.

Nello stesso consiglio è stata anche approvata la relazione dell’assessore al bilancio Furio Mocco sugli equilibri di bilancio e sullo stato di attuazione dei programmi 2006. Secondo la relazione dell’assessore, basata sulla ricognizione fatta dai competenti funzionari comunali e accompagnata dalla positiva relazione dei revisori dei conti, tali equilibri sono stati raggiunti. “Nella ricognizione sul bilancio – ha sottolineato l’assessore Mocco – si rileva che la situazione finanziaria risulta tale da far prevedere che l’esercizio per il 2006 si concluda con un sostanziale equilibrio tra entrate ed uscite, mentre la ricognizione sui programmi attesta una percentuale media di attuazione di poco inferiore al 70%, ma tale livello è destinato ad aumentare sensibilmente dato che prima della fine dell’anno verranno aperti alcuni cantieri per la realizzazione di opere che non era possibile cominciare prima al fine del rispetto del patto di stabilità. Tutto ciò è stato possibile senza un incremento dell’imposizione diretta sul cittadino, nonostante enormi difficoltà. Senza alcun intento autocelebrativo si può affermare che questa nuova amministrazione sta lavorando in modo costante e proficuo e i risultati sono tangibili. L’impegno nella ricerca e nell’ottenimento di canali di finanziamento adeguati per interventi sull’edilizia scolastico-sportiva e sul teleriscaldamento sono la migliore risposta a chi va dicendo che questa amministrazione sta negando e bloccando un vero sviluppo di Carcare e sta sperperando le finanze pubbliche”.


» Redazione

I commenti sono disabilitati.

CERCAarticoli