Tutte le notizie di: | archivio
Articolo n° 3944 del 09 Ottobre 2006 delle ore 16:23

La Regione chiede il via libera per il raddoppio ferroviario Andora-Finale

Subito la gara per la realizzazione del nodo di Genova, via libera definitivo al raddoppio ferroviario della Finale Andora, avvio di un meccanismo di finanza alternativa per la realizzazione del Terzo valico, costituzione di un fondo a disposizione di Anas per i raddoppi della viabilità dell’Aurelia, un impegno finanziario del Governo extra di 100 milioni di euro per l’insediamento della facoltà di Ingegneria agli Erzelli e l’avvio della cittadella della tecnologia, oltre ad un fondo di investimenti per la Protezione civile e i necessari aggiustamenti al decreto Bersani del 4 luglio per non penalizzare le società partecipate della Regione. Sono queste le principali richieste presentate questa mattina dal Presidente della Regione Liguria, Claudio Burlando e dagli assessori regionali ai parlamentari liguri di maggioranza e opposizione affinché intervengano sul Governo per modificare la legge Finanziaria, soprattutto nelle parti maggiormente penalizzanti per gli Enti locali. All’incontro a cui hanno partecipato tra i parlamentari di maggioranza, Graziano Mazzarello (Ulivo), Roberta Pinotti (Ulivo), Andrea Orlando (Ulivo), Massimo Zunino (Ulivo), Egidio Banti (Ulivo), Sabina Rossa (Ulivo) e Romolo Benvenuto ( Ulivo) e tra i parlamentari di minoranza Vittorio Adolfo (UDC), Enrico Nan (Forza Italia), Alfredo Biondi (Forza Italia) due i temi all’ordine del giorno: Enti locali e Tfr. Il presidente Burlando ha sottolineato lo stretto legame tra il trattamento di fine rapporto e le infrastrutture e la necessità “di prevedere un fondo presso l’INPS costituito dal Tfr non optato che le finanzi”. Per quanto riguarda la sanità il presidente ha sottolineato la necessità di accompagnare la manovra, con il recupero dei fondi sociali e di ottenere uno sconto sui tagli ai fondi non sanitari.
Porti – Sui porti Burlando ha giudicato positivamente gli articoli 136 e 137 della Finanziaria con cui il Governo toglie il limite di spesa sugli investimenti e avvia l’autonomia finanziaria. Parallelamente il presidente Burlando ha presentato una ipotesi di testo legislativo da aggiungere alla finanziaria sul finanziamento delle opere portuali, legata in particolare all’operazione di project financing, chiusa lo scorso 30 giugno, attraverso la quale la società Maercks realizzerebbe una piattaforma contenitori nel bacino di Vado ligure. “Si tratta – ha spiegato Burlando – di un investimento privato di circa 150 milioni di euro tra infrastrutture di banchina e impianti a cui si dovrebbe aggiungere un altrettanto impegnativo investimento pubblico, in quanto il terminal proposto da Maercks a Vado ligure prevederebbe a regime una movimentazione di 750.000 teus che potrebbe incrementare notevolmente il gettito dell’IVA per un valore superiore al costo della stessa struttura”.
Infrastrutture – Centrale nella richiesta al Governo della Regione Liguria la questione delle Infrastrutture. “A questo proposito – ha detto Burlando – abbiamo chiesto ai parlamentari di difendere un quadro generale di investimenti e nel particolare che venga subito indetta la gara per il Nodo di Genova, in quanto esiste la copertura finanziaria, e venga dato il via libera per il 2007 al raddoppio ferroviario della Finale Andora”. Per quanto riguarda il terzo valico Burlando ha chiesto al Governo che non venga eliminato il meccanismo, previsto in Finanziaria, di finanziamento delle infrastrutture attraverso il Tfr che resta comunque di proprietà dei lavoratori. Sempre per il terzo valico il presidente Burlando ha auspicato la messa in moto di un meccanismo di finanza alternativa, attraverso il contributo dei privati e ha collocato la decisione nei prossimi due anni. “La Liguria inoltre – ha concluso il presidente della Regione – sostiene l’Emilia Romagna nella sua richiesta di completamento della linea ferroviaria Pontremolese che consentirebbe lo sviluppo del sistema verso est, verso nord e verso ovest”.
Viabilità ANAS – Proposto un sovra pedaggio autostradale per la creazione di un fondo di investimenti a favore della viabilità Anas e cioè i raddoppi dell’Aurelia. “Si tratterebbe – ha spiegato Burlando – di una norma da inserire in Finanziaria valida su tutto il territorio nazionale che potrebbe essere utilizzata dalle Regioni interessate, per dare vita ad un programma di infrastrutturazione regionale, salvaguardando però il traffico pendolare”. Un’operazione che dovrebbe fruttare almeno 20 milioni di euro per rendere possibile gli interventi.
Erzelli – La Regione Liguria ha quantificato in 10 milioni di euro per 15 anni il limite di impegno del Governo per gli Erzelli dove è previsto l’insediamento di una cittadella della tecnologia incentrata sulla facoltà di Ingegneria. “Si può partire quest’anno – ha detto il presidente della Regione – anche con meno, questo consentirebbe di creare un polo unico della ricerca che comprenda, anche l’IIT”.
Protezione civile – Fondo per la protezione civile per riparare i danni dovuti ad eventi calamitosi e realizzare anche investimenti a regime come lo scolmatore del Bisogno.
Datasiel e Filse – Per le due società partecipate della Regione Burlando ha chiesto aggiustamenti al decreto Bersani del 4 luglio scorso che “consentano di organizzare la transizione in modo ordinato e non mettere in crisi i posti di lavoro”. L’incontro con i parlamentari si ripeterà per verificare quanto ottenuto e nel momento in cui la legge Finanziaria affronterà i passaggi in sede di Camera e Senato.


» F. Lammardo

I commenti sono disabilitati.

CERCAarticoli