Tutte le notizie di: | archivio
Articolo n° 4102 del 16 Ottobre 2006 delle ore 01:20

Pallavolo, prima giornata del torneo di Alassio: Italia – Russia 3 a 2

Alassio. Indubbiamente anche le prossime due giornate del quadrangolare all’italiana fra le squadre partecipanti alla “Women Volley Cup” di Alassio offriranno grande spettacolo ed emozioni, ma la partita più interessante e più bella a cui si poteva assistere, in attesa delle finalissime di mercoledì (che, se tutto andrà come pronostico, ripeteranno gli incontri di oggi), è stata quella giocata stasera. Italia e Russia, rispettivamente terza e sesta nel ranking mondiale FIVB, dal momento in cui sono scese sul terreno del “Palaravizza” hanno regalato cinque set divertenti e appassionanti.
Barbolini non ha potuto schierare Piccinini, ferma per un colpo all’anca e ha scelto, nel sestetto titolare, Lo Bianco palleggiatrice, Rinieri e Togut schiacciatrici, Guiggi centrale insieme a Paggi e Fiorin di banda, oltre a Cardullo libero. La nazionale azzurra ha dato il meglio di sé nei primi due set, vinti di misura trovando la massima concentrazione nei giusti momenti. Nel primo set la Russia si porta avanti fino al 16-12, ma l’Italia ottiene un bel break con il servizio di Rinieri che porta le azzurre sul 20-17. Due muri di Fiorin portano al 22-18 e un muro di Guiggi su Safronova chiude il parziale. Nel secondo set l’equilibrio non si rompe praticamente mai: le due squadre arrivano al 20-20, la Russia va sul 22-20, l’Italia ha un primo set point sul 24-23, così come le russe sul 24-25, fermate da un muro di Anzanello. Ci pensava la Fiorin, con un attacco ed un muro, a chiudere il secondo set. L’Italia sembra poter chiudere a proprio favore anche il terzo set, tanto che si porta sul 18-16, ma troppi errori gratuiti permettono alle russe di rimontare e vincere 25-21. Nel quarto parziale la Russia parte concentratissima: si porta sull’8-3, concede un piccolo break alle azzurre fino al 12-10, ma tiene il vantaggio fino al 25-19 finale. Anche il tie-break vede le russe partire bene, con un 4-1 iniziale. Ma dei grandi recuperi di Paola Cardullo e gli efficaci attacchi di Valentina Fiorin permettono all’Italia di portarsi sul 6-5 e da lì di mantenere il vantaggio fino al 15-11. Il risultato ha una certa rilevanza alla luce dei 5 precedenti tra le due nazionali in questo 2006, andati tutti alle russe allenate dall’italiano Caprara. Infatti a fine match il commissario tecnico Barbolini e le giocatrici azzurre erano davvero soddisfatti.
Italia – Russia 3-2
(25-22 27-25 21-25 19-25 15-11)
Italia: Lo Bianco 2, Rinieri 8, Paggi 6, Togut 20, Fiorin 24, Guiggi 8,  Cardullo (libero), Anzanello 5, Centoni, Dall’Igna, Ortolani 3, Del Core 1. Allenatore: Barbolini.
Russia: Godina 14, Borodkova 4, Safronova 18, Zhitova 2, Sheshenina 2, Gamova 22, Kryuchkova (libero), Merkulova 9, Bruntseva 7, Kulikova 2. Non entrate: Sokolova, Maslova. Allenatore: Caprara.
ARBITRI: Barbero e Astingo.
Note: Spettatori: 2000.
Italia: battute sbagliate 13, vincenti 3, muri 11, errori 13. Russia: battute sbagliate 12, vincenti 4, muri 10, errori 17.
Nell’altro incontro della giornata, di tasso tecnico notevolmente inferiore ma non meno emozionante, la Serbia (28° nel ranking FIVB) ha battuto il Perù (19°) con il punteggio di 3 a 2 (20-25, 25-14, 25-19, 22-25, 15-13).
Domani alle 18 l’Italia affronterà il Perù, mentre alle 20:30 giocheranno Serbia e Russia.


» Christian Galfrè

I commenti sono disabilitati.

CERCAarticoli