Tutte le notizie di: | archivio
Articolo n° 4120 del 16 Ottobre 2006 delle ore 18:00

Savona, Vice Sindaco Caviglia: “No a sdoppiamento Asl 2”

Savona. Paolo Caviglia, vice sindaco di Savona, raccoglie le perplessità espresse da alcuni operatori sanitari ed amministratori comunali del savonese sull’ipotesi di sdoppiamento della Asl 2 savonese. “I motivi per i quali la misura è contestata – osserva Caviglia – riguardano in primo luogo la tendenza a livello nazionale di istituire macro Asl che abbiano un bacino di utenza pari a 250 mila abitanti. Con la realizzazione di due Asl distinte ci sarebbero due bacini di utenza da 80 mila e 160 mila abitanti ciascuno. In secondo luogo attualmente i servizi e l’assistenza territoriale sono gestiti a livello provinciale dai vari dipartimenti competenti che hanno avviato un buon rapporto con la Conferenza dei Sindaci. In caso di sdoppiamento non è chiaro quali assetti potrebbero garantire queste sinergie”. Il vice sindaco teme anche “il depauperamento del ruolo dell’ ospedale Santa Corona di Pietra Ligure che passerebbe da azienda autonoma a presidio ospedaliero all’interno di una Asl, con la possibilità concreta di perdere alcune eccellenze”. “Per questo, come è già avvenuto per la Lombardia – prosegue Caviglia – noi vorremmo che la Asl 2 rimanesse inalterata e che in un’unica azienda ospedaliera confluissero, oltre al Santa Corona anche gli altri presidi ospedalieri e tra questi Savona, Albenga e Cairo. Questa modalità di gestione garantirebbe una maggiore razionalizzazione dei servizi ospedalieri e un potenziamento ulteriore dei vari livelli di eccellenza”.


» Felix Lammardo

I commenti sono disabilitati.

CERCAarticoli