Tutte le notizie di: | archivio
Articolo n° 4210 del 19 ottobre 2006 delle ore 13:07

La posizione dei Verdi sull’ipotesi di acquisto dell’isola Gallinara

La maggioranza di centro-sinistra riunita presso il Comune di Albenga ha deciso in data di martedì 17 Ottobre, unanimemente, di avviare le procedure per l’acquisto dell’isola Gallinara. Questa decisione viene accolta dai Verdi con grande soddisfazione, l’isola Gallinara è proprietà di tutti, è un bene comune che può essere una grande risorsa per un turismo eco-compatibile. Sono stato incaricato di contattare il Ministero dell’Ambiente retto dall’On. Pecoraro Scanio per acquisire finanziamenti dello Stato da unire ai finanziamenti regionali e comunali.Sarà nostro compito portare l’On. Pecoraro Scanio ad Albenga per illustrare i progetti che questa amministrazione comunale intende intraprendere. Il Consigliere regionale dei Verdi – Carlo Vasconi – in merito alla vicenda dell’Isola della Gallinara osserva che: Come Verdi in Regione abbiamo presentato una mozione affinchè l’Isola della Gallinara sia dichiarata Area Marina Protetta, nel preciso intento di imprimere una maggiore forma di tutela rispetto all’attuale connotazione di parco regionale, in cui si vieti l’alterazione, con qualsiasi mezzo, dell’ambiente geofisico e in generale l’immissione di qualsiasi sostanza che possa modificare, anche transitoriamente, le caratteristiche dell’ambiente marino. I Verdi manifestano il proprio compiacimento per questo rinnovato interesse e per le proposte che ancora ieri, grazie all’interesse del Consigliere Comunale dei Verdi Carlo Tonarelli, hanno trovato nella maggioranza comunale, un’intesa al fine di inviduare risorse per l’acquisto dell’ isola e l’avvio di un adeguato programma di salvaguardia e di fruizione controllata. In primo luogo – puntualizza Vasconi – occorre fare piena luce sugli interventi edilizi in essere sull’ isola e contestualmente bisogna ragionare sul futuro dell’ isola, che, pur essendo parco regionale, è proprietà di privati. Certamente la soluzione preferibile sarebbe la piena acquisizione dell’isola da parte degli enti locali affinchè divenisse bene comune di tutta la collettività ma qui aldilà del dato economico necessario per l’ acquisizione ( si ricorda peraltro che lo stanziamento regionale per tutti i parchi liguri è stato implementato grazie ad un emendamento alla finanziaria regionale del nostro gruppo consiliare) occorre che le forze di Comune, Provincia, Regione siano congiunte sotto un unico obiettivo. Noi infatti siamo convinti che debbano cessare le continue dichiarazioni giornalistiche e le repliche di amministratori comunali e regionali, gli interventi della società mista costituita a suo tempo dal comune di Albenga per la gestione dell’isola e che sia ora di sedersi intorno ad un tavolo per ragionare sul futuro dell’ area protetta. Noi Verdi infatti siamo convinti che gli enti locali saranno più credibili e convincenti se parleranno una “sola lingua”bisogna peraltro precisare che l’ isola ha mantenuto le proprie caratteristiche di “unicità” in forza del fatto che essa in questi anni è stata oggetto di visite molto scarse per cui crediamo che qualunque programma di tutela non possa prescindere da tre principi importantissimi: • Strutture multimediali e museali per la conoscenza e la valorizzazione dell’ isola Gallinara ad Albenga; • Visite all’isola estremamente limitate, controllate nel numero e guidate al fine do non turbare la biodiversità che si è venuta a creare nel tempo; • Avvio di campagne di ricerca scientifica (naturalistica ed archeologica) per favorire la conoscenza di un patrimonio unico per l’ intero Mediterraneo. Solo su queste basi – conclude Vasconi – la Gallinara sarà un fattore di turismo eco – sostenibile e di progresso per le comunità locali.

Verdi Liguria 


» Redazione

I commenti sono disabilitati.

CERCAarticoli