Tutte le notizie di: | archivio
Articolo n° 5095 del 22 novembre 2006 delle ore 11:23

Il consigliere regionale Michele Boffa interviene sul caso Ferrania

Genova. Per il Consigliere Regionale Michele Boffa, ex Sindaco di Millesimo, il nodo gordiano per la risoluzione della crisi di Ferrania sta nel rilancio della produzione industriale di Ferrania: “Già nel 2 agosto del 2005 – spiega Boffa –  quando avevamo votato in Consiglio un ordine del giorno su Ferrania che impegnava la Giunta a promuovere una più approfondita consultazione degli enti locali valbormidesi, in merito all’eventuale realizzazione di impianti per la produzione di energia  elettrica e al tipo di combustibili utilizzati, avevo sottolineato che la pressante richiesta della proprietà di realizzare una centrale a carbone gettava qualche ombra sulla reale fiducia che l’azienda aveva nel rilancio di Ferrania. A mio avviso, già nell’agosto del 2005, l’accento andava posto sul piano industriale, che avrebbe dovuto essere attentamente calibrato, senza trascurare la logistica, le infrastrutture viarie e la valorizzazione della Val Bormida”. “Oggi il punto decisivo – prosegue Boffa – è la capacità di Ferrania di sviluppare politiche industriali, non tanto quella di fare centrali o di non farle. Nell’agosto 2006 l’ingegner Gambardella illustrava il piano industriale di Ferrania elencando questi dati: 825 milioni di euro investiti in 5 anni per consolidare le attività tradizionali, fare ricerca e sviluppo, focalizzarsi sul medicale, nuove tecnologie e chimica fine; veniva prospettato entro il 2011 un fatturato di 235 milioni di euro dalla sola piattaforma tecnologica; veniva annunciata per il 2007 un’alleanza tecnico-commerciale con un partner di livello internazionale. A questo punto spetta alle Istituzioni governare le intese sottoscritte, facendo aggiornare il piano industriale, selezionando gli interventi, gli obiettivi occupazionali, reddituali e d’investimento. In particolare, ritengo che la Regione, nella persona del Presidente Burlando e dell’Assessore Guccinelli sostenuti dall’Assemblea Regionale, vorrà assumere un forte ruolo di regia nell’incontro romano previsto per lunedì 27 novembre prossimo.”


» Redazione

I commenti sono disabilitati.

CERCAarticoli