Tutte le notizie di: | archivio
Articolo n° 5257 del 27 Novembre 2006 delle ore 15:44

Aperte per le imprese le adesioni al progetto “Pari”

Provincia. Sono aperte le iscrizioni per le imprese nell’ambito del programma “Pari” (Programma d’azione per il re-impiego di lavoratori svantaggiati). E’ prevista l’erogazione di un contributo economico per l’assunzione di lavoratori che sono inseriti nel programma: l’impresa beneficia della somma destinata al lavoratore (max 4500 euro) o del suo residuo, nel caso assuma il lavoratore con  contratto di lavoro di durata superiore a 12 mesi. Il lavoratore beneficiario ha in dote un Voucher formativo del valore di 1.000 euro, per l’accesso a corsi di formazione/riqualificazione. Tale dote formativa sarà erogata all’azienda nel caso in cui la stessa effettui la formazione/riqualificazione del lavoratore. Per i datori di lavoro che intendono inserire nel loro organico i lavoratori individuati dai Centri per l’Impiego, rientranti nel programma Pari, sono previsti i seguenti servizi e incentivi: consulenza sulla normativa e sul sistema di convenienze; preselezione dei candidati; supporto per la richiesta dei contributi Pari; supporto per l’inserimento lavorativo. Per maggiori informazioni le Aziende interessate possono rivolgersi ai Centri per l’impiego della Provincia di Savona (Savona, Carcare ed Albenga) per consultare l’Avviso pubblico per le imprese e il relativo modulo di adesione al Programma Pari. I moduli di adesione sono anche scaricabili dalla home page del sito www.provincia.savona.it. Dice al proposito l’Assessore Provinciale Teresa Ferrando: “Il progetto Pari è una ulteriore iniziativa che regione Liguria e le quattro Province hanno attivato per facilitare l’inserimento dei lavoratori svantaggiati inseriti nel programma stesso. Credo che questa sia un’altra buona occasione per dimostrare che l’inserimento dei lavoratori svantaggiati è possibile, attuabile e vantaggioso per le aziende anche al di fuori degli incentivi che servono solo da stimolo per far rendere conto alle aziende stesse che questi lavoratori possono essere impiegati con ottimi risultati di resa per le aziende e di dignità e soddisfazione per i lavoratori stessi”.


» F. Lammardo

I commenti sono disabilitati.

CERCAarticoli