Tutte le notizie di: | archivio
Articolo n° 5322 del 29 Novembre 2006 delle ore 10:09

Le crociere a Savona

Sulla Stampa di domenica 26 novembre 2006 è apparso un importante articolo a firma di Ermanno Branca sulla presenza di navi crociere a Savona e sullo scarso coinvolgimento della città nel rapporto con questo notevole numero di persone che arrivano agli scali della darsena e di Porto Vado.
A ciò si aggiungeva l’ importante valutazione sul fatto che a Savona annualmente circolano più turisti che a Genova per visitare l’ Acquario.
Si tratta di un problema importante, che coinvolge tutta la politica cittadina, partendo ovviamente dall’assunto che una città per ricevere degnamente persone deve essere accogliente, pulita con servizi funzionanti almeno nei limiti della norma.
Su tali assunti già i Verdi nei mesi avevano registrato alcune lamentele sia segnalando che all’ufficio turistico sito in corso Italia non esistevano guide turistiche della città che proponendo in campagna elettorale ai cittadini savonesi e ai turisti un giro della città insieme alle guide della Cooperativa Sibilla. 
Si tratta proprio di quelle guide turistiche che mesi addietro avevano offerto la visita guidata gratuita della città a tutti i turisti date le difficoltà a far conoscere la propria attività fra i turisti delle navi crociera.
Evidentemente quindi il discorso delle crociere investe molti settori e non solo quello commerciale della città, partendo però dall’ assunto che l’approdo delle navi a Savona può rappresentare unvolano del progresso cittadino e del comprensorio.
Su queste basi i Verdi propongono di organizzare a Savona (magari proprio nel Terminale Crociere) una giornata di incontro  fra tutte le città (Genova. Trieste, Palermo, Napoli,…) che ospitano navi crociera allo scopo di capire come abbiano affrontato la problematica del rapporto fra il territorio ed i crocieristi, se si tratta di un problema “solo savonese” o se è un problema di tutti lo scarso rapporto fra i luoghi di partenza /approdo e coloro che si trovano sulle navi per vacanza.
Si tratterebbe di una iniziativa importante perché da un lato metterebbe esperienze a confronto (sia che il problema esista ovunque o se altrove non esiste) e dall’ altro consentirebbe di capire come possa essere affrontato ed accolto  un simile numero di persone in modo sostenibile per l’ intera collettività senza più improvvisare soluzioni che “nulla risolvono.”

Carlo Vasconi, Marco Brescia, Danilo Bruno


» Redazione

2 commenti a “Le crociere a Savona”
antonio gianetto ha detto..
il 29 Novembre 2006 alle 20:33

Non illudiamoci che i croceristi, possano essere affascinati da una città come Savona.
Che cosa dovrebbero vedere, salvo lo stato di degrado e spocizia che è ben evidenziato in ogni parte dell’ area metropolitana.
Non so come sono organizzate quelle navi, ma sicuramente avranno a bordo negozi “Tax-free for Tourists”, dove troveranno merce molto più a buon prezzo e molto più interessante, che nei nostri negozi.
Su quelle navi, tutto è studiato, per convincere i passeggeri a spendere buona parte dei soldi che hanno a disposizione a bordo. Forse qualcuno di questi potrebbe essere più interessato al mercato del lunedì, dove molto spesso, si trova materiale di buona qualità ad ottimo prezzo.

lucci ha detto..
il 30 Novembre 2006 alle 19:21

Dipende cosa intendi per area metropolitana perchè se fai riferimento alla parte centrale della liguria (quindi con genova e tigullio) anche se ci sono zone sporche e malfamate, la varietà è talmente ampia che non dovrebbe esserci concorrenza ma tutte le sotto-zone dovrebbero fare sistema.

CERCAarticoli