Tutte le notizie di: | archivio
Articolo n° 5303 del 29 Novembre 2006 delle ore 08:09

Sanità, assessore Montaldo: “Riforma regionale ribalta la logica burocratica”

Regione. “Con la legge di riordino del servizio sanitario regionale, all’esame del Consiglio, potremo avere una svolta per la sanità in Liguria, perché la Regione potrà occuparsi direttamente della missione sanitaria, della programmazione, del controllo e delle verifiche, con un importante aiuto dei medici”. Queste le parole dell’assessore regionale alla Salute Claudio Montaldo, che ha commentato la legge all’esame del Consiglio regionale. L’assessore ha illustrato i punti salienti della riforma in un momento di pausa dei lavori dell’assemblea, che a partire da stamani sta votando articolo per articolo la nuova legge. La novità principale è l’istituzione dell’Agenzia sanitaria regionale, al cui vertice siederà un clinico che sarà scelto dalla Regione attraverso un bando nazionale che partirà nelle prime settimane del 2007: “In questo modo si ribalta la logica burocratica che ha guidato il servizio sanitario in questi anni – ha detto Montaldo – La scelta che abbiamo fatto è di rimettere in primo piano il governo clinico del sistema, proprio attraverso la presenza di professionisti. La legge intende inoltre ribaltare la logica della concorrenza tra aziende, per favorire un vero miglioramento del servizio”. “Si tratta di una sfida – ha continuato Montaldo – che noi lanciamo ai professionisti, ai quali chiediamo una presenza marcata nelle scelte mediche, sia all’interno della nuova Agenzia, sia nei collegi di direzione e all’interno delle aziende”. “L’obiettivo – ha continuato l’assessore – è quello di garantire lo stesso servizio, in modo omogeneo su tutto il territorio regionale, soprattutto per quanto riguarda le prestazioni più complesse”. L’Agenzia, ha spiegato ancora Claudio Montaldo, sarà finanziata usando i fondi attualmente destinati ai convegni, alla pubblicità e alle consulenze.


» Redazione

I commenti sono disabilitati.

CERCAarticoli