Tutte le notizie di: | archivio
Articolo n° 5794 del 14 Dicembre 2006 delle ore 08:23

Altare, garanzie occupazionali per i lavoratori della Bormioli

Altare. E’ stato approvato all’unanimità dal consiglio regionale un ordine del giorno sulla situazione della Bormioli, che ha una filiale ad Altare. Gino Garibaldi di Forza Italia è il primo firmatario del documento, che è stato condiviso da consiglieri di tutti i gruppi. Il Gruppo Bormioli, leader europeo nella produzione di vetro e bicchieri, con sede a Parma, oggi è di proprietà della Banca Popolare Italiana. Quest’ultima, nell’ambito di un piano di dismissione di alcune società del proprio portafoglio, nei mesi scorsi ha messo in vendita la Bormioli, ma il bando di gara si è chiuso infruttuosamente, poiché nessuna proposta avanzata è stata giudicata soddisfacente. I sindacati e i lavoratori della filiale di Altare sono preoccupati che la mancata vendita del Gruppo porti alla cassa integrazione dei circa 200 dipendenti impiegati nello stabilimento. Il documento approvato impegna il presidente e la giunta regionale, di concerto con le istituzioni locali ad intraprendere nel più breve termine possibile ogni possibile azione per verificare la situazione dello stabilimento di Altare e dei suoi livelli occupazionali, al fine di garantire la messa in sicurezza del sito produttivo e il futuro occupazionale a tutti i lavoratori dipendenti dall’azienda.


» Felix Lammardo

3 commenti a “Altare, garanzie occupazionali per i lavoratori della Bormioli”
Simone ha detto..
il 14 Dicembre 2006 alle 12:39

Ma queste informazioni sono state date dalla Femca-Cisl di Savona per caso? Il comunicato delle segreterie nazionali dei sindacati (cgil,cisl e uil) è diverso e non inquadra lo scenario qui presentato anzi tutt’altro! Saluti da un dipendente della Bormioli di Altare

Felix Lammardo ha detto..
il 14 Dicembre 2006 alle 12:59

L’articolo si riferisce all’ordine del giorno (primo firmatario Gino Garibaldi, FI) approvato dal consiglio regionale da cui si evince la volontà istituzionale di agire per garantire un futuro ai dipendenti dell’azienda. Questa, almeno, una presa di coscienza a livello regionale sul caso Bormioli. Attendo le comunicazioni da parte delle organizzazioni sindacali per seguire l’evolversi della situazione aziendale. Un saluto cordiale a Simone.
Felix Lammardo, direttore Ivg.it

Simone ha detto..
il 15 Dicembre 2006 alle 16:54

Il primo firmatario Gino Garibaldi(FI) credo abbia letto un articolo scritto su un quotidiano locale ( La Stampa o Secolo ) del giorno 5 dicembre c.m inviato dal segretario provinciale della Femca-Cisl Giorgio Cepollina il giorno seguente all’incontro avvenuto all’unione industriale di Parma tra Azienda Bormioli,segreterie sindacali nazionali settore vetro e tutte le componenti RSU degli stabilimenti Italia. Come già accennato nella precedente mail ciò riportato nell’intervista non corrisponde al comunicato ufficiale che è stato scritto unitariamente dalle segreterie,forse bisognerebbe chiedere al Sig. Cepollina cosa abbia sentito dell’incontro di Parma! Saluti da Simone,lavoratore della Bormioli di Altare

CERCAarticoli