Tutte le notizie di: | archivio
Articolo n° 5819 del 15 Dicembre 2006 delle ore 08:08

Villanova, Aeroporto: trattative serrate per voli charter e cargo

Villanova d’Albenga. Sembra aprirsi un futuro davvero roseo per l’Aeroporto “Panero” di Villanova d’Albenga e il comprensorio ingauno. Oltre al già pianificato trasferimento della Piaggio di Finale Ligure, l’insediamento della società elicotteristica e le quattro tratte di volo andata e ritorno per Roma con l’offerta di pacchetti sempre più concorrenziali, procedono a ritmo serrato le trattative per voli charter: si parla di possibili accordi con la compagnia tedesca Lufthansa nell’ambito di un piano strategico con diversi tour operator tedeschi e italiani. Inoltre, all’orizzonte, potrebbero esserci anche voli cargo per il trasporto di merci e produzioni dell’albenganese, dell’imperiese e di tutte le imprese delle due province di Savona e Imperia. Una esigenza da tempo espressa da molte aziende del ponente ligure per esportare i propri prodotti e che potrebbe finalmente concretizzarsi con uno sviluppo del traffico aereo, passeggeri e merci, impensabile fino a qualche tempo fa: un processo, piano industriale e battaglie sindacali su Piaggio permettendo, di assoluto rilancio dello scalo ingauno e in piena integrazione con il contesto produttivo ed economico del territorio. A confermare tutto ciò lo stesso Vice Presidente dell’A.V.A. Francesco Zino, che ha ribadito così le volontà contenute nel piano di rilancio dell’aeroporto portato avanti in questi primi mesi dal nuovo CdA, dal Presidente Pietro Balestra al neo Amministratore Delegato Alessandro Berta. Intanto raggiungere Roma da Villanova d’Albenga e viceversa arriverà a costare, ad inizio del prossimo anno, meno di 77 euro. Questo sarà reso possibile grazie ad una ulteriore iniziativa di sconto che sarà promossa dalla società aeroportuale villanovese e che farà scendere ancora il prezzo del biglietto dei già convenienti Carnet (10 voli per 770 euro) realizzati dalla AirOne, la compagnia che gestisce i voli di linea con gli ATR 42. Lo ha annunciato lo stesso Pietro Balestra nel corso di un incontro con le agenzie di viaggio. Sono 25 i titolari delle principali Agenzie di Viaggio delle province di Savona e di Imperia che hanno preso parte all’iniziativa che ha visto, nella veste di relatrice, Marilena Bellei, consulente commerciale dell’AirOne. La Bellei ha illustrato quella che è la tariffa normale per il volo andata e ritorno Albenga-Roma che è pari a 191 euro, tasse incluse e, in particolare, il vantaggio derivante dall’acquisto di un carnet. Il carnet è composto da dieci biglietti per un costo complessivo di 770 euro a differenza degli 860 dell’acquisto singolo di 10 tickets (con uno sconto di 90 euro). Sono poi preservati tutti i vantaggi di chi prenota a tariffa piena. Inoltre solo il primo biglietto è nominativo: tutti gli altri possono essere utilizzati da chiunque. La tariffa è poi bloccata per un anno. Il carnet è anche abbinabile ad altri vantaggiosi carnet, sempre dell’AirOne, che permettono da Roma di raggiungere diverse destinazioni. Afferma Balestra: “Ad inizio del prossimo anno, come aeroporto, studieremo una formula che farà scendere ancora il già vantaggioso prezzo del volo legato all’acquisto del carnet da 10 biglietti. Si tratta di un ulteriore vantaggio che si aggiunge alla facilità di raggiungimento dello scalo, alla praticità del parcheggio, gratuito e sempre disponibile, ai tempi del Check-in davvero rapidi e alla puntualità e qualità del viaggio”.


» Federico De Rossi

1 commento a “Villanova, Aeroporto: trattative serrate per voli charter e cargo”
podestà emilio ha detto..
il 15 Dicembre 2006 alle 20:42

Ottime le iniziative della Società AVA e dei suoi dirigenti,che hanno fermamente voluto il rilancio dell’aeroporto Panero,anche contro interessi fortemente contrari di Genova e dell’Alitalia. Complimenti. Facciamo ancora un piccolo sforzo.ma che non può mancare di dare frutti.Si dovrebbe mandare un piccolo bus 20/30 posti,che raccolga i passeggeri,ad esempio,da XXmiglia a Varazze per Villanova,con un prezzo popolare di 10/20 Euro. Nizza docet e non dobbiamo vergognarci di copiare una iniziativa che dura da anni. Forza,amministratori, ci vuole un poco di managerismo. Cordialità.E.Podestà.

CERCAarticoli