Tutte le notizie di: | archivio
Articolo n° 6159 del 29 Dicembre 2006 delle ore 15:04

L’assessore provinciale Filippi interviene sulla questione dei rifiuti

Provincia. L’assessore provinciale all’ambiente Giampietro Filippi è intervenuto sul tema della politica dei rifiuti: “Negli ultimi giorni sono comparse sulla stampa locale numerose illazioni circa la politica dei rifiuti seguita dalla Provincia di Savona ed in particolare dall’assessorato competente; si è per lo più trattato di affermazioni dettate da scarsa conoscenza del problema e da visioni limitate dello stesso, quando non di tentativi di strumentalizzazione a favore di soluzioni superate e non perseguibili nella nostra Provincia”. Ecco, punto per punto, le precisazioni dell’assessore: “La chiusura di Cima Montà è prevista nel nuovo Piano dei rifiuti adottato con i voti di tutto il centrosinistra e l’astensione dell’opposizione; il costo di conferimento dei rifiuti alla discarica del Boscaccio, che Savona sosterrà sarà di non più di 3-4 euro superiore ai costi dichiarati da ATA già più di un anno fa, per il conferimento a Cima Montà; i costi e le modalità concordati con EcoSavona e con il Comune di Vado, sono tali da premiare Savona in base ai livelli di raccolta differenziata da esso raggiunti nei prossimi anni; analogo tipo di vantaggio competerà agli altri comuni che conferiscono al Boscaccio; pertanto tutta l’operazione è un forte incentivo alla raccolta differenziata che è obbligatoria secondo le leggi vigenti, le quali fissano come primo obbiettivo il 40% entro il 2007; il comune di Savona, tra quelli oggi non sedi di discarica, è il comune che ha i costi di conferimento più bassi in tutta la provincia; le accuse di “ideologismo” cui spesso si ricorre, in particolare in riferimento alla non adozione dell’inceneritore, sono frutto unicamente del tentativo di retroguardia di forzare soluzioni tecnicamente ed economicamente non applicabili in provincia di Savona ed ambientalmente negative; l’assessorato è tutt’oggi fortemente impegnato per creare un polo pubblico nel ponente, al fine di eliminare in prospettiva l’attuale temporanea situazione di apparente sbilanciamento sul privato”.


» Redazione

I commenti sono disabilitati.

CERCAarticoli