Tutte le notizie di: | archivio
Articolo n° 8760 del 19 Marzo 2007 delle ore 13:52

Un percorso “alla scoperta” di Albisola Superiore

[image:2508:c]

La Città di Albisola Superiore è molto legata al turismo. Ma come si sà il turismo è un settore che ha continuamente bisogno di essere incentivato e questo compito spetta principalmente al comune che, con i mezzi che ha a disposizione, può far si che esso cresca o no.Un ipotetico turista che viene ad Albisola avrà un’impressione positiva della città? Proviamo ad analizzare la situazione: poniamo che venga con il treno.
La prima impressione all’arrivo in stazione è tremenda: scritte ovunque,panchine in pessimo stato,cattiva pulizia e il bagno impraticabile da tempi molto luoghi causa lavori.Inoltre la stazione è piena di barriere architettoniche.
Usciti dalla stazione avviciniamoci alla passeggiata:nel tragitto luogo Corso Mazzini ci accorgiamo della trascuratezza della segnaletica a terra (stop e strisce pedonali cancellate dal tempo,lo stesso vale per le molte zone parcheggio ad esclusione,ovviamente,di quelle a pagamento) marciapiedi in condizioni pessime,cassonetti strapieni (soprattutto quelli della raccolta differenziata) e cattiva pulizia delle strade.
Arriviamo all’inizio di via xxv Aprile e troviamo il marciapiede nuovo molto discutibile negli incroci(soprattutto nel punto in cui via San Pietro si collega all’Aurelia causa difficoltà a girare a destra poiché il marciapiede è stato allargato, vedi foto).
Continuiamo il nostro percorso luogo il centro storico (via IV Novembre) dove sono stati buttati 24 mila € per messa in sicurezza pavimentazione appena rifatta, lavoro affidato ad uno “scalpellino toscano”.
Arriviamo finalmente luogo la passeggiata ,nella ”Piazza del buon gusto”. Qui notiamo scritte sui muri e la bandiera blu 2006 logora.
Poco più avanti intravediamo l’ufficio delle informazioni turistiche chiuso definivamente ma pieno di scritte. Ovviamente siamo a conoscenza del fatto che l’ufficio è stato smantellato per far posto ad un’attività turistico-commerciale e il bando per presentare offerta scade in questi giorni.
Proseguendo sulla passeggiata in direzione Celle notiamo ulteriori scritte sui muri e una bella fontana decorata con un motivo floreale ma senza rubinetto.
Andando verso il Museo della Ceramica (la cui foto è presente sul materiale propagandistico della Lista Parodi) lo si trova in condizioni di totale abbandono da molti mesi. Inoltre sono presenti un pò ovunque aiuole distrutte dal tempo e luogo le strade siamo invasi dalla paritaria ,una pianta a cui molte persone sono allergiche e a cui provoca disturbi anche pesanti.
Questa è l’immagine di Albisola, mitica città della ceramica , affossata da una giunta incapace di valorizzarla e di imprimerle quei segnali di cambiamento che i cittadini aspettano ormai da molto tempo.
Fortunatamente Albisola Superiore non è solo questo ma è indubbio che l’amministrazione comunale non fa abbastanza per dare quella prima impressione che è fondamentale.

Diego Gambaretto 

[image:2511:c][image:2510:c]

[image:2509:c][image:2507:c]


» Redazione

4 commenti a “Un percorso “alla scoperta” di Albisola Superiore”
Edoardo ha detto..
il 20 Marzo 2007 alle 16:13

Che comune poco vicino ai cittadini…
Il sindaco Nello Parodi è molto simile a Romano Prodi non solo per il cognome (basta togliere una lettera a Parodi che si trasforma nel cognome del premier ) ma anche per l’aumento delle tasse e le promesse non mantenute….
Invito i cittadini albisolesi a cercare il programma della lista Parodi per rendersi conto della situazione…

Mario ha detto..
il 21 Marzo 2007 alle 18:41

Diego Gambaretto si è certamente limitato nel descrivere le condizioni fattiscenti di tutto il paese che in certe zone , via Giovanni xxiii un vero porcile dove al pericolo di scivolare sugli escrementi dei cani si aggiunge alla puzza che chi vuole telefonare dalla cabina telefonica si deve sorbire -via del Cantau dai campi dai tennis dove in certi giorni si dovrebbero usare gli stivali per accedervi,non parliamo dello sconcio davanti alle poste dove la sera nascoste dalle strisce pedonali le buche sono un vero pericolo per pedoni e motociclisti compreso lo spazio verde lato mare regno incontrastato per cani lasciati liberi e incontrollati per non raccogliere i loro bisogni.Mi fermo perche potrei continuare all’infinito senza trovare una zona che sia in condizioni migliori.(mi riferivo ad Albisola Superiore )

Francesco Sirello ha detto..
il 27 Marzo 2007 alle 22:49

La situazione ad Albisola è veramente tremenda… Città a vocazione turistica? come territorio saremmo messi bene se solo ci fosse la volontà di rilanciare la città sotto il profilo turistico da parte dell’amministrazione albisolese.
protestiamo, protestiamo, protestiamo
qualcosa si muoverà

Un amico di Albisola

Marco ha detto..
il 3 Aprile 2007 alle 13:37

Che situazione incresciosa. Speriamo che il Comune apra gli occhi e trovi delle soluzioni

Un amico di Albisola

CERCAarticoli