Tutte le notizie di: | archivio
Articolo n° 9082 del 27 Marzo 2007 delle ore 18:30

A Savona scendono in piazza gli ex soci della Nuova Ferrero di Altare

[thumb:592:r]Altare. Una manifestazione per informare i cittadini “dei rischi che in Italia corre il socio di una cooperativa, nella speranza di aiutare altri che si trovino nelle stesse condizioni”. Si terrà il 2 aprile a Savona, in piazza Mameli, dove scenderanno gli ex soci e lavoratori della Cooperativa Nuova Ferrero di Altare che sostengono di avere lavorato per oltre dieci anni investendo i propri risparmi e di essere stati più volte portati in banca per garantire la cooperativa con i propri patrimoni personali. Assistiti dall’avvocato Stefano Marletta del foro di Genova, fanno esplicitamente presente che “hanno perso il lavoro e tutti i loro risparmi poiché hanno dovuto pagare molti debiti della cooperativa”. Gli ex soci affermano inoltre che “nel novembre 2003 fu fatta sottoscrivere loro un’ulteriore fideiussione per oltre 1.600.000 euro ma, dopo circa un mese e mezzo, capirono che la cooperativa non riusciva più a pagare i fornitori”. “Scoprirono un buco di bilancio di oltre 3.000.000 di euro – fanno notare – e cercarono di far vivere la cooperativa, ma nessuno fu disposto ad aiutarli”. Sottolineano poi che ora vengono loro richiesti quasi due milioni di euro. Così a molti è stata trattenuta parte del trattamento di fine rapporto, ad altri è stato pignorato lo stipendio e molti stanno per subire la vendita dell’unica casa di proprietà, l’unico bene rimasto a 11 famiglie che rischiano di non avere più nulla per vivere. Gli ex soci e lavoratori della Nuova Ferrero di Altare avevano esposto i fatti all’autorità competente già nel 2004.


» Felix Lammardo

I commenti sono disabilitati.

CERCAarticoli