Tutte le notizie di: | archivio
Articolo n° 9131 del 28 Marzo 2007 delle ore 18:16

Regione, Family Day: Rifondazione contro le vocazioni centriste

Regione. “Il voto favorevole nel consiglio regionale di adesione alla manifestazione contro i Dico da parte di alcuni esponenti della maggioranza è un fatto grave e politicamente pericoloso, che vede ‘flirtare’ in una connotazione centrista trasversale pezzi della maggioranza e settori del centro destra”. E’ quanto ha dichiarato oggi, in una nota, dal Gruppo consiliare ligure di Rifondazione Comunista. “A nulla servono giustificazioni assolventi come questioni di coscienza o errori tecnici – prosegue il comunicato – Da tempo esiste il tentativo neanche nascosto di costruire un asse privilegiato tra moderati diversamente collocati che possa rendere visibile una crisi politica all’interno dell’Unione per emarginare la sinistra sociale e radicale. Da oltre un mese e mezzo, e più precisamente da quando si è costituito il Gruppo ‘Italia di Mezzo’, richiediamo un confronto politico di maggioranza. Iniziative come quella di lunedì evidenziano l’obiettivo di spostare sempre più verso un centro moderato, per lo più indistinguibile tra centro destra e centro sinistra, l’asse politico della coalizione uscita vincente dalle urne il 4 aprile del 2005”. “Continuare a far finta di nulla – conclude la nota di Prc – non è accettabile e porta solo al logoramento del mandato elettorale ricevuto dai cittadini liguri. Le crisi di coscienza possono attraversare ogni gruppo politico della coalizione e se, sono manifestabili per qualcuno, è evidente che lo sono per tutti. In tal caso evidenziamo come, a fronte di forti richieste per politiche sociali nei confronti delle famiglie si sottraggano ingenti risorse a tali indirizzi per finanziare presunte opere sociali degli oratori”.


» Redazione

I commenti sono disabilitati.

CERCAarticoli