Tutte le notizie di: | archivio
Articolo n° 9224 del 31 Marzo 2007 delle ore 09:30

Emissione scontrini fiscali, la Confesercenti si mobilita

[thumb:435:r]Savona. I commercianti e gli esercenti sul piede di guerra a seguito del pugno di ferro sulla mancata emissione degli scontrini fiscali con la chiusura temporenea delle attività. La Confesercenti annuncia la mobilitazione: “la mancata emissione di qualche scontrino fiscale non può portare alla caccia al commerciante ed alla chiusura delle attività commerciali, come sta avvenendo in questi giorni. L’assurdità di questa norma – ha dichiarato il presidente nazionale della Confesercenti Marco Venturi -, produce danni economici, disoccupazione per i dipendenti, disagi ai consumatori sempre meno serviti all’interno delle città. Non ci risultano analoghi comportamenti per tante grandi società di capitali che dichiarano sistematicamente redditi nulli o in perdita, per le quali vengono presi provvedimenti di analoga gravità. Se c’è un errore o viene commesso un abuso si può procedere con delle sanzioni da commisurare all’entità e alla ripetizione della mancata emissione dello scontrino fiscale, ma non certamente alla chiusura dell’attività, violando di fatto il diritto di fare impresa e di lavoro per i dipendenti. Inaccettabile è inoltre la gogna fiscale del cartello sulla serranda chiusa che addita i commercianti come i peggiori criminali del Paese. Se questo attacco continuerà – ha concluso Venturi -, la Confesercenti contrasterà questa azione con una mobilitazione nazionale ad oltranza e senza precedenti”.

 


» Federico De Rossi

I commenti sono disabilitati.

CERCAarticoli