Tutte le notizie di: | archivio
Articolo n° 9401 del 05 Aprile 2007 delle ore 12:00

Droga e violenze: sgominata dai carabinieri pericolosa gang

[thumb:2681:r]Albenga. Oltre 3,5 kg di hashish, una pistola Swith&Wesson modello Magnum calibro 375 con sette cartucce pronta a sparare, tre telefoni cellulari, 1580 euro, un bastone e diversi arnesi da scasso sequestrati: è il bilancio di una brillante operazione congiunta dei carabinieri del nucleo operativo di Albenga e di Alassio che hanno sgominato una pericolosa banda composta da giovani dell’albenganese, i quali da tempo terrorizzavano commercianti e residenti con atti intimidatori e azioni violente, in particolare anche alcune scritte contro il neo comandante della stazione carabinieri di Ceriale. Ieri, in relazione all’arrivo di una partita di droga, e dopo una serie di pedinamenti e appostamenti degli uomini dell’Arma, è scattato il blitz decisivo che ha portato a tre arresti: Giovanni Roccadoro, 21 anni, Marco Messina, 23 anni, entrambi di Albenga, e Carmine Oliveri di 26, residente a Villanova d’Albenga. Da tempo i carabinieri stavano seguendo i tre giovani malviventi, appartenenti ad un gruppo più vasto di almeno una decina di altri giovani, protagonisti anche di diverse risse in locali e discoteche della zona. Il primo a finire in manette Carmine Oliveri, intercettato a bordo della sua Alfa Romeo 156 ieri pomeriggio nel centro di Albenga, scoperto con un centinaio di grammi di hascish. Poco dopo i militari hanno bloccato Roccadoro sul sua Wolkswagen Golf, il quale nel tentativo di fuga ha investito due carabinieri, che hanno riportato ferite guaribili in una quindicina di giorni; gli uomini dell’Arma sono riusciti comunque ad arrestarlo: nella sua vettura sono state trovate la pistola, il bastone e gli arnesi da scasso, un coltello a serramanico, una verga a forma di katana; in seguito, nella successiva perquisizione domiciliare i carabinieri hanno rinvenuto nella camera da letto 3 kg di hashish, oltre ai 1580 euro frutto dell’attività di spaccio. Anche il terzo arrestato, Messina, è finito agli arresti ieri sera: trovati nella sua abitazione 400 g di hashish e un bilancino di precisione. Dovranno rispondere di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti, detenzione abusiva di armi, vari oggetti atti ad offendere e da scasso, violenza privata e denaro provento dell’attività illecita. Roccadoro è accusato anche di lesioni e resistenza a pubblico ufficiale. Ora si trovano rinchiusi nelle carceri di Savona e Cuneo a disposizione dell’autorità giudiziaria.
“Mi devo complimentare con il nucleo operativo di Albenga per una brillante operazione che ha sgominato un gruppo davvero pericoloso, che oltre a svolgere attività di spaccio nella zona si è resa protagonista di atti vandalici e violenti, compiuti in maniera spavalda, manifestando anche disprezzo per le forze dell’ordine – ha sottolineato il comandante provinciale dei carabinieri di Savona Francesco Laurenti”.
[image:2683:c:s=1:t=la conferenza stampa presso il comando di Albenga]

[image:2681:c:s=1:t=droga, pistola, soldi e arnesi sequestrati dai carabinieri]

[image:2684:c:s=1]


» Federico De Rossi

I commenti sono disabilitati.

CERCAarticoli