Tutte le notizie di: | archivio
Articolo n° 9691 del 16 Aprile 2007 delle ore 09:40

Inaugurata a Loano la “Fontana delle ore”

[thumb:2824:r]Loano. Tanto pubblico in una bella giornata di sole per l’inaugurazione della “Fontana delle ore” di Sandro Lorenzini, inaugurata ieri mattina a Loano, in via Stella. La fontana di Lorenzini è la quarta fontana del progetto “Loano Fontane d’arte”, che, assieme ad “Arte a Palazzo Doria”, si inserisce nell’offerta culturale e artistica di Loano per questa primavera. All’inaugurazione erano presenti il Sindaco di Loano Angelo Vaccarezza, l’Assessore al Turismo e alla Cultura, Nicoletta Marconi, l’artista, Sandro Lorenzini, l’architetto Rosanna Venturino e il costruttore Geom. Fresia, committente dell’opera.
[image:2823:c:s=1]

 


» Federico De Rossi

4 commenti a “Inaugurata a Loano la “Fontana delle ore””
ANONIMO LOANESE ha detto..
il 16 Aprile 2007 alle 12:17

Bella, ora servirebbe che dicano come funziona l’ indicazione dell’ orario di questa opera artistica… con una bella targa nelle vicinanze della fontana, meriterebbe soprattutto per i turisti…no?

ceppo ha detto..
il 16 Aprile 2007 alle 16:23

..nel frattempo te lo spiego io… ogni volta che scatta l’ora si accendono tutti gli zampilli della fontana per qualche minuti, poi resta accesa solo la colonna corrispondente all’ora, quelle delle ore precedenti emettono schizzi minori, quelle delle ore successive sono spente.. Ho notato che manca l’illuminazione notturna…spero provvedano….

Marco ha detto..
il 20 Aprile 2007 alle 16:30

Con l’inaugurazione della “Fontana delle Ore” l’Amministrazione Comunale ha condotto Loano tra i primi Comuni d’Italia che si impegnano nella cultura.
Questa è l’ennesima dimostrazione di un corretto agire dell’amministrazione della Casa delle Libertà.

Marco Ghisolfo
Coordinatore Forza Italia Giovani Loano

max ha detto..
il 16 Maggio 2007 alle 10:31

……..si si impegnano nella cultura questo è vero e Loano ha fatto grandi passi avanti….ma se come dichiara l’Assessore Nicoletta al quotidiano “La Stampa” che il fine è quello di sensibilizzare ed avvicinare la popolazione all’arte ed alla cultura …mi domando perchè permettere l’impiego di colori davvero eccessivi e nn consoni a quelli tradizionali liguri (si veda edificio Perelli e nuovi Bagni Sirena e va bene che col tempo si spera schiariscano) e materiali molto pesanti…….una struttura in acciaio legno e vetro con qualche setto in cemento e mantenendo un’altezza consona per i bagni Sirena sarebbe stato un buon punto di partenza

CERCAarticoli