Tutte le notizie di: | archivio
Articolo n° 9913 del 21 Aprile 2007 delle ore 18:25

Andora, gli animalisti protestano contro il circo

Andora. Da giovedì 19 aprile, per una settimana, il circo Coliseum Roma è attendato ad Andora. Fra i numeri previsti nello spettacolo ve ne sono alcuni nei quali vengono impiegati degli animali. Questo ha scatenato l’indignazione degli animalisti, contrari agli spettacoli nei quali gli animali vengono costretti, con metodi crudeli, a svolgere i numeri che devono intrattenere il pubblico. Contro il circo presente ad Andora si è opposta la sezione di Genova di 100%animalisti, un’associazione apolitica, schierata in prima linea contro chi uccide, maltratta e sfrutta gli animali.
Oggi pomeriggio i manifestanti hanno organizzato un presidio della durata di 3 ore regolarmente autorizzato, nei pressi del tendone del circo, in Via Vespucci, vicino al piazzale del Luna Park. Il nutrito gruppo di animalisti, in maniera sempre civile, ha esposto i propri argomenti contro questo genere di spettacoli. I partecipanti al presidio hanno effettuato un volantinaggio per sensibilzzare la gente sul fatto che gli animali che vengono utilizzati in alcuni numeri del circo vengono tenuti in cattività, lontano da quello che dovrebbe essere il loro ambiente naturale, e vengono letteralmente torturati per insegnare loro i movimenti da compiere durante i numeri. I “100%animalisti” erano presenti con diversi striscioni che sottolineavano il loro no al circo e con un cartellone che raffigurava alcune immagini delle torture subite dagli animali impiegati in questo genere di attrazioni e hanno invitato la gente a non entrare nel tendone, fornendo le loro argomentazioni.
Gli attivisti hanno dichiarato di perseguire lo scopo di abolire qualunque forma di violenza e di sfruttamento verso i soggetti più deboli, a qualsiasi specie appartengano. In particolare hanno l’obiettivo del superamento del principio che l’essere umano possa disporre a proprio piacimento e a proprio vantaggio della vita degli altri esseri viventi, perciò contestano gli spettacoli come il circo nel quale gli animali sicuramente non si divertono.
Inoltre due tigri e due elefanti del circo in questione sono sotto sequestro perché non ha la certificazione per tenere gli animali in via di estinzione né quelli definiti pericolosi.


» Christian Galfrè

I commenti sono disabilitati.

CERCAarticoli