Tutte le notizie di: | archivio
Articolo n° 9919 del 22 Aprile 2007 delle ore 12:12

Alassio Volleyball: è promozione

[thumb:2049:r]Alassio. “Chi vince festeggia, chi perde spiega” aveva dichiarato il mister dell’Alassio dopo la cocente sconfitta contro il Celle Varazze nel girone di andata del Campionato Regionale di Serie C Maschile di Pallavolo. E ieri sera l’Alassio Volleyball ha festeggiato. Con una giornata di anticipo rispetto alla fine del Campionato gli alassini hanno festeggiato la tanto sospirata promozione in serie B, dopo aver superato con il punteggio di 3 a 0 (25-22; 25-17; 25-17 i parziali) l’Arma di Taggia. Il punteggio maturato a spese degli armesi unito al risultato del campo di Varazze, il varazzini hanno sconfitto 3 a 1 il Futura Avis Techne, ha di fatto sciolto ogni dubbio su chi tra Futura e Alassio avrebbe avuto accesso alla serie superiore. Scaramanzia imperante da settimane in Casa Alassio, ma nessuno ha mai nascosto come, giorno dopo giorno, ci si credesse sempre di più. Pronostici, calcoli tutti accompagnati da un rigoroso “modo condizionale” erano ormai cuore delle conversazioni in palestra. Quando gli alassini si radunano alle porte della palestra, il Varazze è avanti 2 a 1. Al momento di iniziare il match la notizia è che il Varazze ha avuto la meglio sugli spezzini per 3 a 1 al termine di un incontro tiratissimo e nervoso. La matematica non è un’opinione gli Alassini sono a +1 dai diretti inseguitori con la possibilità di portarsi a + 4 e chiudere il duello a distanza. Il primo pallone cade nel campo dell’Alassio, ma gli alassini recuperano subito palla. Carmagnini va in battuta e piazza due ottimi servizi. La difesa avversaria si disunisce, ne approfitta l’Alassio che stacca subito e si porta sul 4-1. L’Arma non molla, c’è grande determinazione nel team di De Angeli che insegue e recupera, aggancia gli alassini sul 14 pari. A quel punto è Francesco D’Auria a portarsi in battuta. Fa piovere 3 “sassate” e riesce a chiudere dalla seconda linea un pallone da manuale. L’Arma chiede il time out, ma D’Auria – meglio noto come Cancello – non si distrae e continua la serie positiva:20-15. Il finale di set è combattuto ma il vantaggio alassino sensibile: 25-22. Nella seconda frazione di gioco l’Alassio si porta subito in avanti, la difesa recupera palloni importanti e il vantaggio si fa subito netto. Pallone dopo pallone il gioco alassino si fa più determinato non solo in difesa ma anche in attacco. La tensione lascia lentamente posto alla consapevolezza di essere a un passo da un risultato, per alcuni, inseguito da tempo. Il terzo set è nuovamente a senso unico. In avvio di gioco l’Arma sembra addirittura assente. Berigliano in battuta mette a segno un ace e un bottino di 5 punti. Sul 5 a 0 De Angeli chiede il time out ma l’Alassio è inarrestabile. Gli attacchi di Gallo e Salvatico non trovano difesa 19-9. Cancello al centro firma il 20-10; Gallo chiude a pochi centimetri dalla riga di fondo il 21-10; segue uno spettacolare recupero di Salvatico per la conclusione vincente di Berigliano per il ventiduesimo punto alassino. L’ultimo punto è un errore in battuta della squadra di casa: un finale forse poco entusiasmante ma quello che si scatena dopo pochi istanti è entusiasmo puro. Il tempo di guardarsi in faccia per dare volto ed espressione alla gioia sportiva più grande. La panchina, il pubblico – numeroso – che ha seguito gli alassini nella trasferta armese, esplodono in un unico grande abbraccio. “Abbiamo vinto una partita importante che non era facile vincere – riesce a dire Marco Pontacolone – per motivi differenti era un incontro che nessuno voleva perdere. Magari non è stata una partita entusiasmante, ma noi abbiamo fatto il gioco che dovevamo. Ringrazio il Varazze per aver dato battaglia al Futura esattamente come ha fatto contro di noi, con eguale intensità e determinazione”. “In questo campionato – chiude il coach – nessuno ci ha regalato nulla, abbiamo incontrato squadre che contro di noi ritrovavano una determinazione di gioco difficilmente espressa nel contesto delle altre gare. Abbiamo chiuso con un giorno di anticipo sul calendario con una sola sconfitta subita. Siamo stati bravi, tutti!” Raggiunto al telefono l’Assessore allo Sport del Comune di Alassio, Fabrizio Calò, non cela l’entusiasmo: “Grandi, grandi davvero! Li aspetto sabato sera al PalaRavizza per festeggiarli come meritano. Sono una grande squadra, un grande gruppo che ha saputo dare forma e vita a un progetto iniziato tre anni fa e che in tre anni ha portato Alassio ad essere punto di riferimento per la Pallavolo locale, nazionale e internazionale. Il Progetto Alassio Volleyball vive con loro e, per quello che ci riguarda, faremo tutto il possibile perché questa Serie B, conquistata con consapevolezza e metodo, non sia una meteora ma un nuovo punto di partenza”. Sabato dunque il gran finale al Palaravizza per l’ultimo incontro in calendario contro l’Albisola, nel frattempo però gli alassini sono attesi dalle semifinali di Coppa Liguria, il 25 aprile, neanche a dirlo a Ceparana. “Ci saremo – dichiara Pontacolone – con l’entusiasmo di sempre e, come sempre, con l’intenzione di giocarci al meglio anche questa occasione”.

[image:2829:c:s=1]

La classifica provvisoria: Alassio Volleyball 49, Futura Avis Techne 45, Villaggio Volley 35, Centro Volley Albaro 34, Celle Varazze Volley 32, Arma di Taggia Volley 31, Spinnaker Albisola 31, Valdimagra 18, Grafiche Amadeo 3, Cus Genova 0 (non pervenuto il risultato dell’incontro Cus Genova – Grafiche Amadeo).


» Redazione

I commenti sono disabilitati.

CERCAarticoli