Tutte le notizie di: | archivio
Articolo n° 10004 del 24 Aprile 2007 delle ore 16:34

Savona: proposte per il verde urbano

In questi giorni in città sono nuovamente sorte proteste dei cittadini e delle cittadine savonesi sulla gestione del verde urbano. Proteste sul taglio degli alberi in via Montegrappa, contestazioni sui lavori nei giardini in Piazza delle Nazioni,… per non coinvolgere poi progetti più complessi come la preannunciata colata di cemento al posto degli alberi del seminario di Savona… E’ così difficile a Savona fare una adeguata politica per il verde urbano? E’ così impossibile ipotizzare una gestione partecipata coinvolgendo la popolazione nella definizione e nella concreta attauzione del verde urbano magari utilizzano le esperienze di educazione ambientale avviate in questi anni pure dal Comune medesimo? I Verdi vogliono in questo breve scritto ricordare alcune proposte, che da tempo abbiamo posto all’attenzione della cittadinanza e del comune proprio in tema di verde urbano:
– Eliminare l’asfalto dal prolungamento, trasformando tutta l’area in un grande parco urbano, che si colleghi attraverso opportuni interventi alla futura area di Piazza del Popolo e alla zona dell’oltreletimbro.Noi abbiamo posto tale tema all’attenzione della maggioranza proprio nella fase di predisposizione del bilancio comunale proponendo l’istituzione di una apposita commissione priva di oneri a carico del comune allo scopo di avviare una fase di progettazione partecipata per sperimentare il nuovo assetto del prolungamento;
– Ridefinire il ruolo del vivaio comunale, che può divenire un polmone verde pubblico per la Villetta ma anche un luogo per lo svolgimento di attività di educazione ambientale guidate dalle apposite strutture comunali;
– Ridefinire un rapporto con l’area boscata a monte della città riproponendo il progetto verde della “Giunta Marengo”, che prevedeva di disegnare la viabilità storica e sentieristica del bosco allo scopo di scoprirne i valori naturalistici e di offrire nuove opportunità di crescita turistica della città.Si tratterebbe quindi di rendere agibili nuovamente le vie napoleoniche, il romanico esistente sulla fascia collinare,…oltrechè avviare una politica di selvicoltura, che potrebbe garantire pure nuova occupazione.Su quest’ultimo punto riteniamo che sia indispensabile partecipare in forma propositiva al progetto integrato che la Provincia sta preparando sul nuovo Piano di Sviluppo Rurale Regionale, che può costituire un reale contributo per il recupero del bosco savonese.
Le nostre sono poche idee che però possono mettere in movimento la città facendola divenire artefice delle scelte sul verde cittadino evitando proteste e arrabbiature fra i cittadini e le cittadine e soprattutto fanno parte di un principio di democrazia partecipativa che poco ha a che vedere con un decisionismo spesso fine a se stesso di cui talvolta chi governa vuole fare sfoggio.

L’Associazione Comunale dei Verdi Savona

» Redazione

5 commenti a “Savona: proposte per il verde urbano”
Bruno Pirastu ha detto..
il 25 Aprile 2007 alle 10:55

Come mai una città come Savona non dispone di un Regolamento del Verde Pubblico e Privato così come è in moltissime altre città ? Come mai quando si taglia un albero non si provvede a reimpiantarne un’altro ? Che fine ha fatto la legge che IMPONEVA ai comuni di piantare un albero per ogni nuovo nato ? Eppure l’aveva firmata niente di meno che Sandro Pertini Presidente ! Come mai non si provvede al ripristino del verde nelle aree bruciate , specie in collina ? Come mai i Partiti si accorgono dei problemi solo dopo che i Cittadini si agitano e li usano solo per Campagne Elettorali ? Non credo che sia difficile pensare a prevenire un problema . basta sedersi e riflettere così come fanno i bambini a squola davanti ad un tema da scrivere, pensare e riflettere basta volerlo. In altre città , il regolamento vigila anche sul Verde Privato che viene giudicato un bene per la comunità e non , vedi Via Ottaviano un bene di scambio. Pensiamo di più a gestire la città e un po meno a quattro turisti in bermuda che dopo aver fatto i 100 metri di Via Pia e la spesa al Supermercato partono in crociera criticando una città che sembra ma che non è.

Danilo Formica ha detto..
il 25 Aprile 2007 alle 12:14

non sarei così sicuro che non esista un regolamento del verde pubblico, mi pare che qualcosa di simile era stato approvato dalla Giunta Gervasio. Mentre per la legge che impone ai comuni di piantare un albero nuovo ogni volta che se ne taglia un altro, dovrebbe essere ancora vigente; il problema è farla rispettare. Vorrei inoltre segnalare anche come alcuni alberi situati a Zinola rischino di venire tagliati per fare spazio al progetto dell’area camper; in particolari ci sono alberi tipici della nostra costa ed abitati da numerose speci di volatili. Sarebbe un peccato continuare ad abbattere alberi per le solite speculazioni di questa giunta.

http://www.mgpsavona.blogspot.com

Bruno Pirastu ha detto..
il 25 Aprile 2007 alle 12:25

Non credo che esista quel Regolamento perchè all’assemblea per i famigerati Box ne parlai con dei Responsabili ottenendo solo vaghe risposte del tipo ” no ma andiamo con il buon senso ” (!) Sul sito del Comune , quello che non funziona e che non è aggiornato non vi è traccia. Ma se esistesse ? Giriamo la domanda a chi frequenta il PALAZZO ? Se la legge PERTINI è vigente come mai se non adempiuta nessuno del Consiglio dice niente ? ahi ahi ahi

Danilo Formica ha detto..
il 25 Aprile 2007 alle 15:07

in questi anni sono sparite tante di quelle aree verdi senza che nessuno dei nostri amministratori facesse nulla. Per esempio gli alberi che vi erano dalla ex pista di pattinaggio di c.so colombo che fine hanno fatto? Ogni volta si dimenticano di piantare un albero nuovo ogni volta che ne tolgono uno.. Il problema è che gli amministratori di sinistra che fanno alleanze con i verdi non se ne preoccupano ed il centro destra qui a savona risulta sempre più inesistente.. (salvo alcuni episodi).

cobra ha detto..
il 25 Aprile 2007 alle 17:10

A parole gli amministratori di sinistra si dichiarano per il verde poi, per far strada,abbattono anche la QUERCIA…………

CERCAarticoli