Tutte le notizie di: | archivio
Articolo n° 10028 del 25 Aprile 2007 delle ore 08:30

Albenga, il Gabibbo contro le quattro torri

[image:2918:r:s=1:t=L’incursione del Gabibbo nel centro di Albenga]Albenga. Aveva annunciato di essere disposto a scendere in piazza con il forcone per protestare contro il progetto delle quattro torri di Consuegra, ma per ora ha inviato ad Albenga il Gabibbo che comunque, forcone a parte, ha alle spalle una lunga carriera da fustigatore di potenti. Antonio Ricci ha mandato il suo più noto incursore satirico per girare un servizio che dovrebbe andare in onda nella puntata odierna di “Striscia la notizia”. Gli albenganesi ieri mattina si sono accorti di un elicottero che volteggiava ripetutamente sopra il tetto dell’ospedale Santa Maria di Misericordia ed hanno intuito che probabilmente una telecamera stava riprendendo dall’alto la zona dove dovrebbe sorgere il grattacielo ideato dall’architetto spagnolo. La conferma è arrivata poco dopo con la comparsa del Gabibbo, ripreso dai teleoperatori in diverse aree cittadine: presso gli scavi di San Clemente, all’interno dell’alveo del Centa, poi nella zona intorno al vecchio ospedale, davanti al palazzo comunale e infine in pieno centro storico, quel centro storico che secondo il papà di Striscia verrebbe deturpato dall'”atto di prepotenza” delle quattro torri che Guillermo Vazquez Consuegra è chiamato a realizzare per conto di Arte. Mentre tra la cittadinanza aumentano le adesioni all’appello alla mobilitazione formulato nei giorni scorsi dal popolare autore tv, sul fronte politico si moltiplicano le critiche all’intervento edilizio. Duro l’intervento di Gianni Ballabio (Uniti nell’Ulivo), ex consigliere delegato alla cultura, che ha stigmatizzato le attuali “speculazioni edilizie” paragonandole a quelle del passato. Anche l’assessore al turismo Pina Verrazzani (Albenga c’è) ha preso posizione contro l’opera. Andrea Lamberti (Italia nostra) definisce il progetto “la solita speculazione” osservando che “soltanto il fatto di prenderlo in considerazione mette in evidenza quale sia la sensibilità culturale di chi è chiamato ad amministrare la città“. Rosy Guarnieri (Lega Nord) mostra apprezzamento per i giudizi espressi dal consigliere Tonarelli, mentre bolla come “specchietti per le allodole” le proposte avanzate da Damonte per l’utilizzo della vecchia ala dell’ospedale. Alberto Delfino (Forza Italia) attacca Tabbò: “Il sindaco è alla frutta ed è riuscito perfino a smuovere Antonio Ricci dal suo proposito di non intervenire col Gabibbo sulle faccende albenganesi”. Antonello Tabbò dal canto suo prosegue nella difesa del progetto, pur con attente cautele, e tiene a specificare che per ora non c’è niente di definitivo, ma si tratta soltanto di un’idea proposta da privati che l’amministrazione comunale ha il dovere di prendere in considerazione. Il primo cittadino, raggiunto da una telefonata di Antonio Ricci che lo ha avvisato della messa in onda del servizio su Striscia, ha ricondotto la visita del Gabibbo al basta che se ne parli accogliendo positivamente l’idea che il centro storico di Albenga finisca su una rete nazionale.

[image:2917:c:s=1]

[image:2919:c:s=1]


» Felix Lammardo

1 commento a “Albenga, il Gabibbo contro le quattro torri”
Guido Lugani ha detto..
il 26 Aprile 2007 alle 03:14

Dopo la clamorosa figuraccia della ammnistrazione comunale di Albenga davanti alla nazione italiana tramite il programma televisivo “Striscia la Notizia”, vedremo se il Sindaco avrà il coraggio delle proprie azioni portando avanti il progetto delle torri o se invece farà retromarcia.

Se scegliesse la prima opzione mi impegnerò a organizzare una raccolta firme contro questo scempio, se invece scegliesse la seconda opzione dovrà inevitabilmente dimettersi.

Albenga ha bisogno di incentivare il turismo sia quello balneare che culturale invece di pensare al solito MAGNA-MAGNA sulle costruzioni edili.

Cordiali saluti

CERCAarticoli