Tutte le notizie di: | archivio
Articolo n° 10100 del 27 Aprile 2007 delle ore 09:48

Operazione “Stack-Wood”: gli interrogatori degli insospettabili della droga

[thumb:1204:r]Savona. Si sono difesi davanti al giudice per le indagini preliminari Giovanni Zerilli, alla presenza del sostituto procuratore Giovanni Battista Ferro, i cinque  insospettabili arrestati nei giorni scorsi dalla polizia nell’ambito dell’operazione antidroga “Stack-Wood”. A rifornire i cinque l’albanese Bakillari, già in carcere, ma gli arrestati si sono difesi dicendo di non conoscersi e di non spacciare cocaina: “solo per uso personale”, ha risposto uno, un altro si è avvalso della facoltà di non rispondere mentre un terzo non ha fornito particolari. Silvano Brunorio, 41, abitante a Casanova Lerrone, e titolare ad Albenga dei bagni Ondina, difeso dall’avvocato Graziano Aschero, ha ribadito davanti al giudice di non essere uno spacciatore ma solo un consumatore. Nessuna risposta, invece, da parte di Valerio Bracco, 37 anni, savonese, collaboratore del bar Lilo a Varigotti. Massimiliano Prina, 38 anni, di Bergeggi, impiegato comunale ad Albisola Superiore ed ex giocatore di Albenga, Carcarese e Zinola, non ha voluto chiarire i particolari sulla vicenda, convinto di poter chiarire più avanti la sua posizione. Per oggi sono previsti gli ultimi due interrogatori: l’albenganese Fabrizio Toselli, macellaio del supermercato “Basko” di Pietra Ligure, e Piergiorgio Tormena, savonese, cameriere in un ristorante di Millesimo.


» Federico De Rossi

I commenti sono disabilitati.

CERCAarticoli