Tutte le notizie di: | archivio
Articolo n° 10206 del 01 Maggio 2007 delle ore 13:34

Sanità o malasanità? Guarigione o dipendenza?

Mi sorge un dubbio: l’intervento dei medici tende ad eliminare il problema o a creare una dipendenza dai farmaci? Oggi ho cercato di risorvere un problema di approvigionamento economicamente valido di un particolare prodotto oftalmico (a totale pagamento) che e’ stato prescritto (dalla sanita’ pubblica) sia a me’ che a mia moglie in tempi e luoghi diversi.
Pare che lo dovremo usare per tutta la vita, sono delle “lacrime artificiali” in gel.
Ogni tubetto costa 8,60 euro, dura 28 giorni e non va’ utilizzato dopo la scadenza (in un anno per questo problemino dovremo spendere circa 206,4 euro).
Ho cercato il prodotto con il famoso sconto del 25% presso le farmacie, lo ho cercato nei vari supermercati, ….. senza successo: lo trovo solo a 8,60 per la confezione da 10g.
Ho letto meglio il foglietto illustrativo: e’ prevista una confezione da tre tubetti da 5 g ciascuno, visto che dopo un mese dobbiamo buttare una confezione da 10g mezza piena ho cercato invano tale confezionamento forse permette di recuperare una parte dei soldi che sprechiamo buttando una confezione mezza piena ….
NULLA  in commercio in Italia si trova solo il 10g.
Quando mi impunto su qualcosa non mollo ed ho chiesto alla casa farmaceutica come risolvere il problema… al momento nessuna risposta.
In effetti con internet posso cercare anche all’estero il prodotto (la casa farmaceutica che lo fabbrica e’ presente in tutto il mondo), magari trovo lo stesso prodotto nella confezione desiderata in Francia o in Svizzera  (magari scopro anche che li’ costa di meno) …….
NIENTE  il prodotto con quel nome commerciale non esiste da nessuna parte, ho provato a cercarlo anche usando come chiave di ricerca il componente attivo ….  ma senza esito (tale componente viene utilizzato solo in Francia in una crema  per uso non oftalmico).
A questo punto mi sorge un dubbio:
“Visto che le persone hanno probabilmente gli stessi problemi in tutto il mondo,  se l’unica soluzione al problema dell'”occhio secco” e’ insito in queste “lacrime artificiali”  le dovrei trovare dappertutto.
Ma forse non e’ cosi’, forse in Francia o in Svizzera o …. invece di costringere il “sofferente” di una determinato problema a consumare per tutta la vita un costoso farmaco si preferisce curare e vincere il problema.”
Avro’ ragione? Avro’ torto?
Il mio sospetto e’ completamente infondato? Lo spero ma la prossima visita voglio provare a farla privatamente a Mentone o a Lugano (tanto con il ticket che si sono inventati la differenza di costo non dovrebbe essere poi tanto alta e … forse col tesserino valido in tutta europa che ci hanno spedito a casa forse non saro’ tenuto a pagare quella “partecipazione alle spese sanitarie” che pagano SOLO le persone che gia’ tramite la fiscalita’ ordinaria pagano tutte le spese).
Cordiali saluti

lui la plume

» Redazione

2 commenti a “Sanità o malasanità? Guarigione o dipendenza?”
jo ha detto..
il 2 Maggio 2007 alle 10:29

perchè invece del LIPOVISC non prova ad usare SICCAFLUID GEL 10 ml che costa 4,94 € ? stessa funzione, composizione simile. Per il resto spero che lei non li abbia votati !!!!

lui la plume ha detto..
il 7 Maggio 2007 alle 23:25

Avevo cancellato tutti i riferimenti ma invano.

La casa mi ha risposto che il confezionamento da 5 g costerebbe 7 euro.

Alla osservazione che 3 confezioni da 5g ne fanno 15 ed il costo in piu’ e’ solo quello del tubetto non hanno risposto.

Usciranno con un confezionamento monodose dal costo di? che ho definito probabilmente poco conveniente bisogna vedere il costo mensile.

Sto gia’ provando il prodotto che mi sta consigliando (pagato all’Ip…oop 3,99) ma il risultato al momento non e’ ottimale, il disturbo che la mattina non mi consente di aprire gli occhi con questo prodotto si risolve in una ventina di minuti contro l’effetto “sprint” di 3/4 minuti ” con il prodotto piu’ costoso.

Vado comunque avanti una decina di giorni (nel frattempo mi manderanno una fornitura gratuita per … non ho capito il motivo ma ho ringraziato) prima di esprimere un giudizio definitivo.

CERCAarticoli