Tutte le notizie di: | archivio
Articolo n° 10234 del 02 Maggio 2007 delle ore 14:52

Savona: Carlo Freccero incontra gli studenti al campus

Savona. Continuano gli incontri organizzati dalla SPES in occasione del Master in Produzione Radiofonica e Televisiva, in corso di svolgimento al Campus universitario di Savona. Siamo al 3° incontro pubblico di Comunicazione al Campus e questa volta sarà ospite Carlo Freccero, geniale e funanbolico demiurgo della televisione creativa e ribelle , nonché noto autore televisivo ed esperto di comunicazione; argomenti su cui ha scritto molti saggi e testi scientifico-divulgativi. L’incontro avrà luogo venerdì prossimo alle 17.00.
Direttore di Rai2, direttore dei palinsesti di Canale 5 e Italia 1, direttore dei programmi di La Cinq (Parigi), direttore di Italia 1. Consulente di Raiuno e a Parigi responsabile della programmazione di France 2 e France 3. Dal 2003 si dedica prevalentemente all’ insegnamento alla facolta di Discipline delle Arti, della Musica e dello Spettacolo (DAMS) presso l’università di Roma Tre e presso il corso di laurea in Scienze della Comunicazione dell’Università degli studi di Genova, al Campus universitario di Savona, sua città natale.
Sarà un incontro nel quale il “tele-phage, mangiatore di televisione”, come si è definito lui stesso in un intervista, illustrerà con la sua esperienza ed il suo modo divertente, coinvolgente e disincantato la televisione e di come essa sia ormai il primo momento di globalizzazione a livello culturale e mediatico. Perché la tv generalista a livello mondiale ha dei format e dei funzionamenti che sono uguali in tutti quanti i paesi. Freccero, però, parlerà soprattutto del concetto di audience come imperativo categorico della TV e di come l’opinione del pubblico è entrata a far parte della produzione del sapere televisivo. Freccero è un autore televisivo con una forte capacità autorale che riesce ad utilizzare per esprimere in maniera trasparente le proprie idee. Questo suo atteggiamento lo ha portato anche a subire pesanti critiche oltre alle accuse di essere eccessivamente fazioso e politicamente schierato. Nel 2003 è stato allontanato da ruoli di responsabilità in RAI ma è tornato a lavorarvi, seppure in un ruolo meno visibile, come autore della trasmissione televisiva cult Rockpolitik (ottobre 2005). I suoi testi sono come sempre molto pungenti e graffianti.


» Redazione

I commenti sono disabilitati.

CERCAarticoli