Tutte le notizie di: | archivio
Articolo n° 10294 del 03 Maggio 2007 delle ore 18:10

Vado Ligure: in quattrocento per dire no al potenziamento della centrale

[thumb:2183:r]Vado ligure. Quattrocento persone hanno partecipato ieri sera all’assemblea indetta dall’ associazione ‘Uniti per la Salute’, presso la società di mutuo soccorso ‘Aurora’ di Quiliano-Valleggia per esprimere un no deciso al progetto di ampliamento a carbone della centrale termoelettrica. Il presidente della Federazione dei Verdi savonesi, Carlo Vasconi, ha annunciato la presentazione ai ministeri dell’Ambiente e dei Beni Culturali di osservazioni contro il progetto di potenziamento con un nuovo gruppo da 460 Megawatt a carbone, avanzato da Tirreno Power. “In Liguria – ha precisato Vasconi – sono già presenti tre centrali a carbone che esportano fuori dai confini regionali più del 50% dell’intera produzione. Bisogna inoltre ricordare che l’industria energetica è il macrosettore che maggiormente contribuisce alle emissioni di ossido di zolfo, polveri sottili pm 10 e composti organici volatili. La provincia di Savona – ha proseguito Vasconi – produce dal 40 al 50% dei più pericolosi inquinanti dell’intera regione. Inoltre la centrale di Vado- Quiliano funzionando solo con i gruppi 1 e 2 a metano e abbandonando completamente il carbone, ridurrebbe notevolmente l’impatto ambientale, sanitario e i relativi costi sociali”. Vasconi chiede pertanto soprattutto al Ministero dell’Ambiente “di bocciare la richiesta di avvio di un nuovo gruppo a carbone per la centrale di Vado Ligure, e di attivare la verifica di ottemperanza delle prescrizioni a suo tempo impartite dallo stesso ministero, contestualmente ad una moratoria nei confronti della Soc.Tirreno Power per la sollecita attuazione degli interventi della copertura del parco fossile, dell’avviamento a metano (anziché a gasolio) dei gruppi 3 e 4, e dell’interramento degli elettrodotti in uscita dalla centrale nelle aree più vicine alle abitazioni”


» Redazione

I commenti sono disabilitati.

CERCAarticoli